Caso Schepp: ritrovato il testamento di Matthias

L'uomo lascia tutti i suoi beni alla moglie, alle figlie e ad alcuni parenti. Intanto continuano le ricerche di Alessia e Livia

È dal 31 gennaio che non si hanno più notizie di Alessia e Livia Schepp-Lucidi, le due gemelle di 7 anni, cittadine svizzere, scomparse insieme al padre Matthias che due giorni fa si è suicidato sotto un treno sui binari vicino alla stazione ferroviaria di Cerignola, in provincia di Foggia. La Squadra Mobile della Questura, la Polizia ferroviaria e la Protezione civile stanno battendo da due giorni tutta la zona alla ricerca delle due bambine con l’ausilio di uomini ed elicotteri del Corpo forestale dello Stato insieme ad unità cinofile. Sono stati eseguiti controlli anche in alcuni campi nomadi estemporanei della zona, e presi contatti con alcuni conoscenti del padre che aveva lavorato in diverse regioni d’Italia. Controlli sono stai eseguiti anche nelle Marche, regione d’origine della madre delle due bambine. Dalle indagini risulta che alcuni giorni prima di arrivare in Italia  l’uomo aveva effettuato un grosso prelievo di denaro a Marsiglia dove era stato avvistato lo scorso 31 gennaio. Le piccole erano state consegnate a lui dalla sua ex moglie per il week end. Ma l’uomo non le ha più riaccompagnate a Losanna. Il ritrovamento di un testamento lasciato da Matthias, dove lascia indicazioni sulle persone alle quali affidare i suoi beni: alla moglie (una casa di sua proprietà), ad alcuni parenti e, soprattutto, alle due figlie, fa presupporre che avesse premeditato da tempo il suicidio.

Inserita da il 6 febbraio 2011