Papa Benedetto XVI accusato di crimini contro l’umanità

Avrebbe coperto i preti pedofili

Inserita da il 13 settembre 2011

Quella della pedofilia all’interno della Chiesa è una piaga del mondo ecclesiastico, su cui si parla sempre troppo poco e su cui incombe la piaga dell’insabbiamento. Qualcosa di troppo vergognoso, di troppo osceno, per poter venire alla luce. Le vittime stesse spesso portano in silenzio i segni di violenze e abusi, reati per cui i colpevoli rimangono impuniti e la colpa, secondo un gruppo di associazioni delle vittime dei preti pedofili, starebbe nell’omertà delle cariche più alte. Compreso il Papa.

Le associazioni hanno depositato presso la Corte penale internazionale dell’Aja un ricorso (20mila pagine) contro Benedetto XVI e tre alti esponenti del Vaticano, i cardinali Sodano, Bertone e Levada, colpevoli di crimini contro l’umanità per la copertura dei reati commessi da prelati: stupro, violenza sessuale e addirittura tortura, commessi anche su minorenni.

Il cardinale Tarcisio Bertone è l’attuale segretario di Stato, mentre il cardinale Angelo Sodano è il suo predecessore e il cardinale William Levada è il prefetto della Congregazione della dottrina della fede.

La Snap (l’associazione statunitense) si è alleata con l’organizzazione per i diritti umani Center for Constitutional Rights (CCR) e punta a dimostrare che il Vaticano “tollera e permette la sistematica e diffusa protezione” di chi commette abusi e molestie su minori in tutto il mondo.

I rappresentanti statunitensi e europei delle associazioni hanno lanciato per i prossimi giorni un tour europeo che li porterà a toccare le principali capitali del Continente.