Home Sport Motori Tragico incidente: muore Marco Simoncelli

Tragico incidente: muore Marco Simoncelli

373
CONDIVIDI

E’ una di quelle notizie che lasciano l’amaro in bocca e non potrebbe essere altrimenti, quando a perdere la vita è un ragazzo con una vita davanti, una carriera in corso e un futuro promettente. Eppure, se ne è andato così, a soli 24 anni, Marco Simoncelli, il pilota italiano grande amico di Valentino Rossi.

La tragedia si è srotolata davanti agli occhi degli spettatori in pochi terribili istanti, sulla pista di Sepang, in Malesia. L’incidente è avvenuto al secondo giro: Simoncelli è scivolato sull’asfalto ed è caduto, perdendo il casco e coinvolgendo altri piloti, in particolare Edwards e lo stesso Valentino Rossi, che finiscono su di lui con le ruote. Gli spettatori sul circuito e quelli davanti alla tv vedono Simoncelli esamine a terra, immobile: appare chiaro sin da subito la gravità dell’accaduto.

Inutile l’intervento immediato dei soccorsi: il giovane arriva in arresto cardiaco al centro medico del circuito. La speranza e l’attesa durano ben poco: quando atterra l’elicottero che lo avrebbe dovuto trasportare all’ospedale di Kuala Lumpur, giunge la notizia della morte del campione. Sono le 10,56 in Italia, quando la percezione del dramma diventa definitiva.

Dopo circa trenta minuti dall’incidente la gara è stata cancellata.
«Simoncelli è arrivato già in arresto cardiocircolatorio, e ha un vistoso segno di una ruota sul collo. Stiamo cercando di rianimarlo ma è molto difficile» aveva detto ai microfoni di Italia 1 il dottor Giuseppe R., uno dei componenti dello staff medico del Motomondiale.
Parole che lasciavano ben poche speranze per la vita del pilota di Cattolica, soprannominato Supersic, dall’abbreviazione del suo cognome nella grafica televisiva della classifica durante le corse (Sic).
Marco Simoncelli era stato campione del mondo della 250cc nel 2008.