La Virtus Monte di Procida batte la capolista Venafro

Bellissima partita al Pala Pippo Coppola. Il rush finale premia i flegrei: 79-78

Inserita da il 8 novembre 2011

Vittoria, cuore e grinta per i ragazzi di coach Di Lorenzo che piegano un grande Basket Venafro alla fine di un match entusiasmante. Non è stata una partita facile e lo si capisce subito dalle battute iniziali che vedono gli ospiti partire forte con uno strepitoso Mengoni che non solo detta i tempi per la sua compagine ma forando la retina locale con percentuali da brivido.

Il primo quarto vede Monte rincorrere Venafro che in più di qualche occasione tenta di dare lo strappo al punteggio che va in archivio dopo il primo giro di lancette sul risultato di 15-19. Il secondo periodo si apre con un perentorio 7-0 di Venafro che impone al coach montese di chiamare time-out (8:46) per parlarci su; la squadra di casa si ritrova e canestro dopo canestro rintuzza il punteggio acciuffando il pari (35-35) a 3.47 dal termine del secondo tempino ed addirittura andando in vantaggio di 4 (39-35) a 2.30 dall’intervallo. Ma la reazione dei viaggianti è tanto veramente che approfittando di un improvviso black out del Monte, Venafro opera un break di 12-0 chiudendo la prima metà della gara sul 39-47.

Il film della seconda metà della gara ha un copione del tutto diverso dal primo. La Virtus esce dagli spogliatoi decisamente più concentrata e con un Mario Innocente in più. La squadra manovra con maggior fluidità, difende con grinta gli attacchi della capolista che sebbene priva dell’argentino Trentini gravato di 4 falli, mantiene la testa del punteggio che al 30′ è di 57-62. Nell’ultimo periodo il trend dell’incontro continua a decollare ed il pubblico del Pala Pippo Coppola è chiamato a spellarsi le mani per lo spettacolo offerto dalle due compagini sul parquet. La Virtus continua a tenere bene il campo, a difendere sugli esterni molisani e soprattutto a trovare la via del canestro con maggiore assiduità. L’argentino Andrè, fino a quel punto apparso poco incisivo, si impone sotto le plance catalizzando falli ed arpionando carambole insieme ad un ritrovato Salvatore Errico che, partita dopo partita, guadagna spazio e minutaggio. Venafro è vistosamente in affanno e la Virtus ne approfitta subito operando il sorpasso (66-64); da questo momento il Monte di Procida non mollerà più la testa del punteggio che a pochi secondi dalla fine è di +5 e che solo grazie al fallo sistematico diventerà +1.

79-78 il risultato finale di una gara da ricordare per una Virtus che trova risorse morali e fisiche davvero inaspettate; la giusta reazione dopo la sconfitta di Airola dove la Virtus aveva letteralmente gettato alle ortiche una partita vinta. Su tutti Mario Innocente che a dispetto delle 37 primavere riesce con disarmante semplicità a cantare e portare la croce; punti, assist, rimbalzi e tanta tanta grinta.

Settimana di costante lavoro e giusta tensione per il prossimo impegno di campionato che vede la Virtus ancora impegnata tra le mura domestiche contro la Libertas Taranto seconda in classifica.

 

Tabellini:
Virtus Monte di Procida – Venafro: 79-78

Virtus Monte di Procida: Giroli 12, Andrè 9, Errico F. 15, Scotto 3, Errico M. 11, Innocente 26, Regio 2, Cennicola ne, Lubrano ne, Conte 1. All. Di Lorenzo G.
Venafro: Mengoni 29, Ferraro 13, Alesse 15, Jelic 4, Parlato 3, Cardarelli ne, Trentini 6, Zeoli ne, Brusello, Minchella 8. All. Mascio A.
Arbitri: Matranga e Vilardi (Alcamo)
Parziali: 15-19, 39-47, 57-62

 Ufficio stampa Virtus Mdp