Disoccupazione al 31% per i giovani italiani

Crolla l'occupazione giovanile, ottantamila disoccupati in più negli ultimi nove mesi

Inserita da il 16 febbraio 2012

E’ un bilancio drammatico, quello presentato dal presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, durante l’audizione alla commissione Bilancio della Camera dei deputati: l’occupazione dei giovani tra i 18 e i 29 anni è in costante calo, circa 80 mila posti di lavoro sono stati persi nei primi nove mesi del 2011. Per la fascia d’età 15-24 anni la disoccupazione in Italia tocca la vetta del 31%, “la più alta dopo la Spagna” ha sostenuto Giovannini.

Non meno grave la situazione dal punto di vista dell’occupazione femminile: in Italia lavora meno di una donna su due e solo il 30% al Sud. Il presidente dell’Istat ha specificato che “le donne continuano a essere occupate in lavori precari più frequentemente degli uomini e permangono in condizioni di precarietà più a lungo nel tempo.