La piccola Vittoria al processo contro il padre Salvatore Parolisi

E' un provvedimento che tutela gli interessi della bambina

Inserita da il 15 febbraio 2012

In aula contro Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore accusato di aver ucciso la moglie Melania Rea nella pineta di Ripe di Civitella  lo scorso 18 aprile, ci saranno la madre di lei, il padre, il fratello, lo zio e la piccola Vittoria.  Quest’ultima, di due anni e mezzo, farà parte del processo contro il padre; lo ha deciso il gip che ha nominato la nonna materna come curatore speciale della bambina. Si tratta di un provvedimento che tutala gli interessi della piccola, essendo lei la più danneggiata da questa vicenda visto che ha perso la madre.

Nel caso in cui Parolisi sarà giudicato “colpevole” avrà diritto alla liquidazione del danno, se invece sarà assolto la piccola riavrà suo padre. E’ infatti, da luglio, che la piccola non lo vede perchè l’incontro stabilito per il 9 gennaio saltò, all’ultimo momen, per la decisione del tribunale dei minori dell’Aquila che accolse un’istanza di sospensione della famiglia Rea. Non è archiviata del tutto la possibilità che la bambina possa incontrare il padre. La piccola Vittoria, al momento, vive con i nonni materni mentre quelli paterni possono di tanto in tanto vederla, come pure la zia ovvero la sorella di Parolisi.