Home Costume e società Notte degli Oscar: l’Italia conquista una statuetta

Notte degli Oscar: l’Italia conquista una statuetta

305
CONDIVIDI

Una vittoria annunciata, quella della coppia Ferretti – Lo Schiavo: le scenografie realizzate per il film Hugo Cabret non avevano rivali e si erano imposte sin da subito sulle altre. In nomination c’erano quelle dei film Midnight in Paris, Harry Potter e i Doni della Morte Parte II, War Horse e The Artist.
“Per Martin e per l’Italia!” ha gridato Francesca Lo Schiavo, stringendo tra le mani la statuetta.

The Artist, la pellicola di Michel Hazanavicius, ha trionfato su tutti, con ben 5 Oscar: film, colonna sonora, trucco, regia e attore (Jean Dujardin ha strappato la vittoria al George Clooney di Paradiso Amaro). Cinque statuette anche per Hugo Cabret, quelle cosiddette “tecniche”: fotografia, effetti speciali, sonoro, montaggio sonoro e, appunto, scenografia.

Meryl Streep si aggiudica la sua terza vittoria su 17 nomination, stavolta per l’interpretazione di Margaret Tatcher in The Iron Lady.

Rimane, purtroppo, a mani vuote, l’altro italiano in gara: Enrico Casarosa, candidato per il corto La Luna, firmato Pixar. È stato battuto da The fantastic Flying books of Mr. Morris Lessmore di William Joyce e Brandon Oldenburg.

E a proposito della Pixar, nel corso della cerimonia è stato dato spazio anche alla commemorazione di grandi personaggi cui è stato reso omaggio: Liz Taylor, Whitney Houston, scomparsa lo scorso 11 febbraio, e Steve Jobs. Il fondatore di Apple acquistò la casa di produzione cinematografica Pixar nel 1986 e ne divenne socio individuale di maggioranza in seguito all’acquisizione da parte della Disney (2006).

La cerimonia si è svolta al Kodak Theatre ed è stata condotta, per la nona volta, da Billy Crystal.