4 marzo, addio Lucio Dalla. I funerali nel giorno del compleanno

In migliaia per l'ultimo saluto

Lucio DallaE’ stata aperta ieri mattina, intorno alle 9,30, la camera ardente per accogliere il feretro di Lucio Dalla, stroncato da un infarto lo scorso giovedì mentre si trovava in Svizzera per una serie di concerti. Una processione si è susseguita fino a notte inoltrata per dare l’ultimo saluto ad uno dei più grandi cantanti e musicisti italiani. Alle sette di ieri sera erano in trentamila e per i funerali di oggi, che si terranno alle 14,30 nella Basilica di San Petronio, a Bologna,  ne sono attesi altrettanti. E chi non è riuscito a passare prima della chiusura, si è ripresentato questa mattina alle 7 nel cortile d’onore di Palazzo D’Accursio. Bastano questi numeri per capire “l’affetto straordinario” dei bolognesi per Lucio Dalla.

Il feretro del cantante è stato portato in corteo dal compagno Marco Alemanno, da Ron e dai suoi collaboratori. Nel cortile di Palazzo D’Accursio è stato collocato su un piccolo palchetto, con un fondale nero sul quale è stato appeso un quadro dell’Ultima Cena, un’opera del giovane fotografo Stefano Cantaroni; sulla bara una sigaretta (una “paglia” come avrebbe detto lui), un cornetto rosso portafortuna e una rosa. A fine giornata si contavano decine di mazzi di fiori, bigliettini, la maglia ufficiale della Virtus con dedica “Grazie Lucio per averci regalato la tua musica e la tua passione”. Per tutta la giornata si sono ripetute dieci delle sue più famose canzoni, da “Cara” a “Caruso”.

Oggi Lucio Dalla avrebbe compiuto 69 anni.

Inserita da il 4 marzo 2012