Italia, cresce disoccupazione tra i laureati

Donne ancora penalizzate nel mercato del lavoro

Inserita da il 6 marzo 2012

Notizie sconcertanti arrivano dal mercato del lavoro anche  per i neolaureati: disoccupazione in crescita, contratti di lavoro meno stabili, precari o in nero, retribuzioni in calo.
Medici, architetti e avvocati: la situazione è difficile per tutti. E’ questo il quadro allarmante che emerge dal XIV Rapporto Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati in Italia.

A Tre anni dalla laurea si dichiara occupato il 74% degli specialistici, mentre la disoccupazione riguarda il 9% dei laureati di secondo livello. Secondo il dossier, a causa della crisi economica “una percentuale notevole ed in crescita di giovani è a rischio di disoccupazione prolungata o di inattività, con effetti che potrebbero divenire irreversibili”.

Dal rapporto emerge anche che i laureati trovano più lavoro dei diplomati, che si acuisce il divario territoriale tra Nord e Sud, che le donne sono ancora molto penalizzate nel mercato del lavoro.