Home News Cronaca Morto Antonio Tabucchi, una delle più importanti figure culturali d’Italia

Morto Antonio Tabucchi, una delle più importanti figure culturali d’Italia

Tabucchi viveva da tempo a Lisbona, in Portogallo, Paese del quale si innamorò quando, da studente universitario, lo visitò durante uno dei suoi viaggi

103
CONDIVIDI

antoniotabucchiSi svolgeranno giovedì prossimo, a Lisbona, i funerali dello scrittore italiano (di nascita, ma portoghese nel cuore) Antonio Tabucchi.
Da tempo malato di cancro, Tabucchi è noto al grande pubblico per i suoi libri e per il suo fondamentale lavoro esegetico e di traduzione sullo scrittore portoghese Fernando Pessoa. Nato a Pisa il 23 settembre del 1943, Tabucchi viveva da tempo a Lisbona, in Portogallo, Paese del quale si innamorò quando, da studente universitario, lo visitò durante uno dei suoi viaggi.
Docente di letteratura portoghese, iniziò l’attività di scrittore nel 1975 con il romanzo “Piazza d’Italia”, cui fecero seguito varie raccolte di racconti. Il successo giunse con i romanzi “Requiem” del 1992 e soprattutto “Sostiene Pereira” del 1994, con cui vinse anche il premio Campiello. L’ultima fatica letteraria, a coronamento di una lunga e fortunata serie di pubblicazioni è “Racconti con figure” del 2011.
Alcuni dei suoi romanzi (tradotti in quaranta lingue) sono stati portati sullo schermo da registi italiani e stranieri (Roberto Faenza, Alain Corneau, Alain Tanner, Fernando Lopes) o sulla scena da rinomati registi teatrali (Giorgio Strehler e Didier Bezace fra gli altri). Ha ricevuto numerosi premi in Italia, fra cui il Pen Club Italiano, il Premio Campiello e il Premio Viareggio-Repaci; e prestigiosi riconoscimenti all’estero, fra cui il Prix Medicis Etranger, il Prix Europe’en de la Litterature e il Prix Mediterranee in Francia; l’Aristeion in Grecia; il Nossack dell’Accademia Leibniz in Germania; l’Europaischer Staatspreis in Austria; il Premio Hidalgo e il premio per la libertà di opinione “Francisco Cerecedo” attribuito ogni anno dal Principe delle Asturie, in Spagna.
E’ stato nominato “Chevalier des Arts et des Lettres” dalla Repubblica francese e ha ricevuto la decorazione dell’Ordine dell’Infante D. Henrique dal presidente della Repubblica portoghese. E’ stato professore dell’Università di Siena ed ha insegnato in prestigiose Università straniere (Bard College di New York, Ecole de Hautes Etudes e Colle’ge de France di Parigi). Ha collaborato con quotidiani italiani e stranieri (“Corriere della Sera“. “Unita’”, “Il manifesto”, “Le Monde”, “El Pai’s”, “Diario de Noticias”, “La Jornada”, “Allegemein Zeitung”) e riviste quali “La Nouvelle Revue Francaise” e Lettre International”.
E’ membro fondatore dell’”International Parliament of Writers”. Dal 2000 è stato proposto dal Pen Club italiano all’Accademia di Svezia quale candidato italiano al Nobel per la letteratura.

1 COMMENTO

  1. La Jules Maidoff Gallery nel Palazzo Maidoff, Via Sant’Egidio 14, Firenze, presenta:

    “Sonhos e Imaginação / Racconti con Figure” Omaggio a António Tabucchi

    Stampe di MATRIZ, una cooperative di stampe di Portogallo: Acácio de Carvalho, Céu Costa, Mami Higuchi, Júlia Pintão & Ricardo Da Silva

    21 maggio – 10 giugno 2012

    Inaugurazione: Lunedì 21 maggio alle ore 18:30

    I membri ed i loro rispettivi lavori in mostra presso il Palazzo Jules Maidoff for the Visual Arts della SACI sono come un gruppo di
    amici in visita ad una vecchia conoscenza ispiratrice, che ha giocato un ruolo molto importante nelle loro vite. Jules Maidoff è un Membro Onorario del Matriz sin dal 2006. Sia Jules Maidoff che Mary Beckinsale hanno regalato, sin dal primo momento, un’enorme spontaneità alle nostre attività.

    La mostra ‘Sonhos e Imaginação / Racconti con Figure’ presenta una collezione di lavori che sono il risultato di progetti individuali di un gruppo di artisti capaci di rispettare e sostenere le proprie differenze, uniti come sono dallo stesso amore per la stampa d’arte. Il titolo italiano, Racconti con Figure, non è una traduzione del titolo portoghese, ma è simile per significato, un modo quasi ambiguo di rendere omaggio al toscano d’origine António Tabucchi. Un’amante dell’eredità di Pessoa, Tabucchi è divenuto una figura rispettata sia come insegnante che come studioso del grande poeta portoghese. Come scrittore, i suoi romanzi e le sue poesie hanno deliziato i lettori grazie alla loro delicatezza ed al loro modo speciale di lasciare qualcosa d’inspiegato, così come la sua malinconia e l’atmosfera oscura con cui parla della vita e delle emozioni.

    L’amore di Tabucchi per le arti visive è trasmesso in modo esplicito nel suo libro Racconti con Figure: Spesso la pittura ha mosso la mia penna. Se in un lontano pomeriggio del 1970 non fossi entrato al Prado e non fossi rimasto prigioniero davanti a Las Meninas di Velazquez, incapace di uscire dalla sala fino alla chiusura del museo, non avrei mai scritto ‘II gioco del rovescio’.

    La Galleria MAIDOFF è aperta dal lunedì al venerdì ore 9-19, ingresso gratuito.           

    Jules Maidoff Gallery – SACI via Sant’Egidio, 14 – Firenze

    gallery@saci-florence.edu www. saci-florence.edu

Comments are closed.