Al via il Salone del Mobile di Milano 2012

Da martedì 17 a domenica 22 aprile 2012, la città lombarda si prepara ad ospitare la 51^ edizione dell'evento

Inserita da il 15 aprile 2012

Forte del successo delle passate edizioni, si terrà “A Milano. Dove, se no?”, come strilla volutamente quest’anno la campagna pubblicitaria dei Saloni, dal martedì 17 a domenica 22 aprile, presso Fiera Milano a Rho, la 51^ edizione del Salone del Mobile.

Ad attendere l’evento oltre 300.000 visitatori. Previsti anche per questa edizione migliaia di prodotti di qualità destinati ai mercati di tutto il mondo: mobili, complementi d’arredo, cucine, bagni, prototipi degli under 35 e tante altre proposte presentate dagli oltre 2.500 espositori.

I Saloni – che andranno a occupare 209.000 metri quadrati espositivi del quartiere fieristico con il Salone Internazionale del Mobile, EuroCucina / Salone Internazionale dei Mobili per Cucina, il Salone Internazionale del Bagno, il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo e il SaloneSatellite – confermano che, anche quest’anno, la capitale internazionale dell’arredo è Milano.

Immancabili gli eventi in città. Al Teatro dell’Arte della Triennale di Milano andrà in scena “Design Dance” – un progetto di Michela Marelli e Francesca Molteni, quest’ultima già curatrice per i Saloni di vari eventi tra cui “Un bagno di stelle” al Planetario di Milano nel 2010 – che fa parlare e agire, fino a danzare, le opere dei protagonisti del design. Gli oggetti si fanno attori e narratori perché, come ogni opera dell’ingegno umano, essi raccontano le emozioni che li hanno fatti nascere. Oggetti di oggi e di ieri, classici e moderni, ma anche progetti del Salone Satellite “avverati”, perché diventati prodotti.

La Biblioteca Pinacoteca Accademia Ambrosiana, luogo storico e custode del mondo classico, durante la sei giorni dei Saloni, ospiterà l’installazione “librocielo” ideata da Attilio Stocchi, un omaggio multimediale al cuore romano della città e una riflessione sul vivere e sull’abitare lo spazio attraverso le voci di alcuni libri antichi.