Grande successo per il Salone del Mobile di Milano 2012

La più importante Fiera di arredo e design ha chiuso con un incremento del 3,5% rispetto al 2011

Inserita da il 24 aprile 2012

La 51esima edizione del Salone del Mobile di Milano ha chiuso i battenti con grande successo. La più grande Fiera di arredo e design, in corso dal 17 al 22 aprile, ha posto al centro dell’attenzione mondiale gli oltre 2700 espositori italiani e stranieri divisi tra il Salone Internazionale del Mobile, il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, il SaloneSatellite e le biennali EuroCucina / Salone Internazionale dei Mobili per Cucina, e il Salone Internazionale del Bagno.

I numeri parlano da sè: 331.649 i visitatori nel complesso; 292.370 gli operatori del settore, con un incremento del 3,5% rispetto al 2011; 188.579 gli operatori esteri che rappresentano il 64,5% delle presenze totali(+5,9%). In linea con i risultati dello scorso anno le presenze italiane (103.791). Oltre agli operatori
del settore, i Saloni 2012 hanno visto la presenza di 6.484 operatori della comunicazione, di cui 5.725
i giornalisti provenienti da tutto il mondo.

“I risultati di questa edizione sono eccezionali soprattutto in considerazione del clima economico negativo
che si respirava alla vigilia – afferma il presidente di Cosmit, Carlo Guglielmi. Preoccupazioni fugate
non solo dai numeri, ma soprattutto dalla soddisfazione degli espositori, che hanno incontrato reali
occasioni di business e operatori di altissima qualità. Un grande successo che non è solo quantitativo.
A contribuire agli ottimi risultati sono state anche le iniziative in città, dedicate alla cultura dell’abitare.
Ancora una volta i Saloni si sono confermati non solo come momento di business ma come espressione
della nostra cultura. E proprio della cultura abbiamo fatto il cardine delle nostre iniziative in città”.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto finora – afferma il presidente di FederlegnoArredo,
Roberto Snaidero. I risultati e l’attenzione che i Saloni generano, dimostrano quanto siano consacrati
a rappresentare un momento importante per il rilancio dell’economia italiana. Questo entusiasmo
non può far dimenticare, però, le difficoltà che le aziende stanno affrontando in questo momento
di crisi, che in alcuni casi le costringe a chiudere o ad andare avanti con tagli del personale. Non possiamo non esprimere solidarietà alle famiglie dei lavoratori di tutte le nostre aziende, sapendo
che in questo momento imprenditori e maestranze sono uniti in una difficile battaglia per battere la crisi.
Il settore – prosegue Roberto Snaidero – ha rinnovato alle Istituzioni il problema dell’aumento dell’IVA
al 23% e ha nuovamente avanzato la proposta di agevolare i giovani, stabilendo l’IVA al 4%
per l’acquisto del primo impianto mobili. Abbiamo inoltre chiesto con forza lo sblocco della direttiva
sui pagamenti. La Federazione intende continuare ad impegnarsi intensamente per permettere
all’evento fieristico di crescere ancora e garantire alti standard di qualità di edizione in edizione”.