Morto l’uomo che si è dato fuoco davanti all’Agenzia delle Entrate a Bologna

Doveva restituire oltre 100 mila euro al fisco

Inserita da il 6 aprile 2012

Dopo una lunga agonia è morto Giuseppe C., l’artigiano 58enne che il 28 marzo scorso si era dato fuoco davanti agli uffici della Commissione tributaria a Bologna. L’uomo aveva compiuto il gesto estremo all’interno della sua auto, una Fiat Punto subito avvolta dalle fiamme. Ricoverato nel reparto dell’unita operativa di prima anestesia e rianimazione dell’Ospedale di Parma, è deceduto in seguito alle gravi ustioni riportate.

A spingere l’uomo al suicidio sono state alcune pendenze che aveva col fisco al quale avrebbe dovuto restiture oltre 100 mila euro. Prima di darsi fuoco due lettere, una indirizzata proprio alla Commissione tributaria in cui spiegava di aver sempre pagato le tasse e un’altra indirizzata alla moglie.