Nuova lettera al direttore

Siccome non ho mai avuto risposta alla prima, ci riprovo

Inserita da il 6 aprile 2012

Caro direttore
(o preferisce esimio?),
le scrivo innanzitutto per farle i miei migliori auguri per Pasqua, ma anche per rivolgerle delle domande.
È Pasqua e come al solito le tv fanno a gara a mandare in onda i film sulla vita di Gesù. Se devo essere sincero mi hanno stancato. Il finale è scontato: il protagonista muore sempre. “Ma poi risorge”, potrebbe ribattere lei. Sì, ma solo per lasciare spazio ad un eventuale sequel.
Meno male che nella politica italiana succedono cose più belle. Basta andare in parlamento perché tutti i deputati e i senatori siano così presi dal fare bene per il paese, che perdano d’occhio la loro vita di ogni giorno. Scajola va ad abitare in una casa che non sa chi gliel’abbia regalata; i finanziamenti pubblici sono usati per fini personali; Bossi si trova una villa restaurata senza sapere chi paghi i lavori.
Caro direttore, non è che questi ammirevoli politici ci stiano prendendo un po’ per il c… sedere?
Mi chiedo anche perché Bersani sia stato ascoltato nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse. Perché il PD di autogol se ne intende?
Mi chiedo cosa faranno a Pompei con i 105 milioni di euro in arrivo dalla comunità europea? Un’offerta per Messi?
Mi chiedo cosa faranno a Trieste per rallentare la Bora? Metteranno gli autovelox?
Non crede che le strategie di marketing della Apple siano in ribasso da quando è morto Steve Jobs? Mi spiego: l’azienda di Cupertino ha messo in vendita l’iPad di terza generazione, chiamandolo “Nuovo iPad”. Non crede che quando realizzeranno il quarto la gente andrà in confusione? “Ho comprato il nuovo iPad” dirà uno. “Quello vecchio?”, risponderà l’altro. “No, quello appena uscito”. “Ah, quello nuovo”. “No, quello appena uscito”. “Ah, quello nuovo”. “No, quello appena uscito”. “Ah, quello nuovo”. “No, quello appena uscito”…
Termino con i miei migliori auguri a tutti i nostri lettori!