Antarctica: intervista allo scrittore Mario De Martino

Autore di ben sei libri, ha partecipato a numerose antologie

mario de martinoMario De Martino ha appena 19 anni, ma ha le idee molto chiare. Così chiare che le ha scritte.
Scrive storie da quando, affascinato dalla sigla de La signora in Giallo, acquistò una vecchia macchina per scrivere in un mercatino delle pulci. E’ autore di ben sei libri e ha partecipato a numerose antologie (molte delle quali approderanno nelle librerie nel corso del 2012).
Come molti amante di Stephen King, come pochi ha deciso di raggiungerlo nell’Olimpo letterario in cui adesso siede.
Ma adesso facciamo parlare lui.
Come nascono le idee dei tuoi romanzi, in particolare di quest’ultimo?
“Be’, tutti noi abbiamo provato almeno una volta a raccontare (e a raccontarci) delle storie. Le avventure che inventiamo fanno parte di noi, ce le portiamo dietro per anni e le arricchiamo con la nostra esperienza quotidiana. L’idea di Antarctica, così come quella degli altri libri, probabilmente è nata e cresciuta con me… ha solo aspettato il momento buono per saltar fuori!”
Raccontaci un po’ la trama generale del tuo ultimo libro.
“Dalla quarta di copertina:
1947, nel corso dell’Operazione Highjump, il sottomarino USS Rebecca capta un segnale radio in prossimità della costa della Nuova Svevia, Antartide. Il Presidente Truman si convince che il misterioso velivolo ritrovato sia un’arma nazista di ultima generazione. Chiede allora al governo britannico di consultare le decrittazioni dei messaggi nazisti effettuate a Bletchley Park. Dai documenti emerge una verità agghiacciante.
1976, ricoverato in un ospedale psichiatrico, il dodicenne Mark Weber nasconde un segreto che potrebbe cambiare il corso della Storia. La sua presenza non passa inosservata, e intorno a lui cominciano a muoversi le ombre di chi agogna al potere.
Ai giorni nostri, una catena di efferati delitti costringe L’FBI e la CIA a una pericolosa caccia all’uomo. Cosa si annida nella mente del killer? Quali segreti nasconde il Governo in una piccola isola sperduta nell’Oceano Pacifico? Questo avvincente thriller ci fa viaggiare attraverso il tempo, fra le oscure pieghe di un passato che, ingenuamente, credevamo di conoscere”.
Molto affascinante… mi chiedo se oltre quelli che adoperi nel tuo romanzo, ci sono altri periodi o eventi storici ancora nell’ombra, su cui bisognerebbe far luce.
“I misteri del mondo sono tanti e affascinanti. Molti sono gli enigmi legati alle civiltà precolombiane, a El Dorado, a Cibola, alla fonte dell’eterna giovinezza che i conquistadores hanno cercato a lungo nel XVI secolo; tanti sono i misteri che avvolgono la corte di Francia, dal misterioso personaggio noto come la maschera di ferro alla vita di Luigi XVII, il re che non fu mai re. Relativamente recente è il mistero che ruota intorno ad Anastasija e Aleksej Romanov (o a Rasputin!), o al comune francese di Rennes-le-Château. Ogni epoca ha avuto i suoi misteri e i suoi enigmi. Insomma, abbiamo abbastanza materiale per scrivere un’altra decina di libri!”
Prossimo lavoro in cantiere?
“Per restare in tema ‘misteri’, cito il nuovo progetto editoriale di Casini Editore al quale parteciperò nel prossimo futuro, dal nome emblematico di Cataclysm. Inoltre, è prevista la mia partecipazione ad alcune antologie che usciranno per diverse case editrici nel corso del 2012″.antarctica
Che consiglio vuoi dare agli scrittori emergenti che come te vogliono farsi strada in questo campo?
“Siccome io per primo ho ancora molta strada da fare e sarei grato verso chiunque avesse consigli da darmi, dico solo una cosa: credete in quello che fate e mettetevi alla prova. Sempre”.
Dove hai presentato il libro e dove lo presenterai?
“Uno degli aspetti positivi della scrittura è che le varie presentazioni ti portano un po’ in giro per l’Italia. Sono stato a Torino, Lucca, Perugia, Roma, Salerno… e sabato 5 maggio 2012 presenterò a Portici, nella mia città, a ‘Villa Lucia'(Corso Garibaldi, 294).
Inoltre sarò presente al Salone del libro di Torino sabato 12 maggio, dove presenterò Antarctica e I Figli di Atlantide presso lo stand di Casini Editore”.

Ringraziamo Mario De Martino, e invitiamo i gentile lettori dell’articolo a leggere il suo ultimo libro.
Per tenere d’occhio il nostro giovane scrittore, di seguito il link del suo sito ufficiale:
http://www.mariodemartino.com/

Inserita da il 3 maggio 2012