Francia, ballerine Crazy Horse in sciopero

Chiedono aumento dello stipendio e denunciano condizioni di lavoro difficili

Porte chiuse al Crazy Horse, il celebre cabaret parigino dell’Avenue George V, vicino agli Champs-Elysees per lo sciopero delle ballerine previsto per lunedì. Le crazy girls chiedono un aumento dello stipendio e denunciano condizioni di lavoro difficili. Nel frattempo la direzione rifiuta o rinvia ogni tipo di negoziato e gli spettacoli sono stati annullati.

“Il nostro stipendio è pietoso, inoltre è inferiore a quello dei colleghi maschi - spiega una delle ballerine, Suzanne -. Ci chiedono di lavorare 24 giorni al mese. Il Crazy Horse non é un cabaret come gli altri. E’ un luogo eccezionale e lo spettacolo richiede di essere integralmente nude. Di queste particolarità non si tiene conto nella nostra busta paga”. Le ballerine lavorano sei giorni a settimana e vanno in scena due volte al giorno, la sera, mentre durante il giorno si dedicano alle prove.

Il Crazy Horse fu fondato nel 1951 da Alain Bernardin. La caratteristica più significativa di questo cabaret sono i giochi di luce particolarmente sofisticati.  Tra gli spettacoli più popolari che propone vanno segnalati i numeri di strip-tease, eseguiti anche da famose pornodive.

Inserita da il 16 maggio 2012