Germania: centrale nucleare trasformata in parco divertimenti

Nel 1995 la centrale fu acquistata a metà del suo reale valore dall’imprenditore olandese Hennie van der Most, esperto in riconversione di aree dismesse

parco divertimenti centrale nucleare germaniaPoco tempo fa abbiamo parlato della Germania e del suo obiettivo di colorare col verde la sua produzione energetica, entro l’inizio del prossimo decennio. Ma una domanda sopraggiunge come un assassino: cosa ne sarà delle vecchie centrali?
Una soluzione molto divertente (ma tutt’altro che ridicola) sembra già arrivare, dalla città di Kalkar, ai confini con l’Olanda, dove nel 1972 vennero inziati i lavori di costruzione della centrale Schneller Brueter. L’impianto venne completato con circa 10 anni di ritardo, a causa delle continue proteste avanzate dai cittadini sulla sua sicurezza, ma comnque non è mai entrata in funzione.
Nel 1995 la centrale fu acquistata a metà del suo reale valore dall’imprenditore olandese Hennie van der Most, esperto in riconversione di aree dismesse, e intenzionato a trasformarla in un parco divertimenti.
Lo scheletro dell’impianto non è stato intaccato, e tutto il parco si sviluppa intorno ai suoi assi portanti.
La torre di raffreddamento, per esempio, decorata all’esterno con una montagna innevata, è stata riutilizzata come base d’appoggio di una giostra panoramica. I reattori sono stati trasformati in camere d’albergo, bar e ristoranti.
Adesso quella centrale nucleare dismessa si chiama Wunderland Kalkar, letteralmente “terra delle meraviglie”, e rappresenta un polo d’attrazione molto importante, da ben 600.000 visitatori all’anno.

Inserita da il 30 maggio 2012