Giovedì 17 maggio si celebra la Giornata contro l’omofobia e la transfobia

A Roma notte di "Pensieri e musica contro l'omofobia" con la partecipazione di Antonella Elia

A 15 anni di distanza dalla rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità il mondo celebra, giovedì 17 maggio, la Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia, istituita dall’Unione Europea nel 2005.

Per l’occasione Arcigay ha realizzato, grazie ai fondi del 5×1000, una campagna di informazione e sensibilizzazione nazionale intitolata “Io denuncio”, che si rivolge direttamente alla comunità lgbt (lesbica, gay, bisessuale e trans) con 10mila manifesti e oltre 80mila flyer distribuiti dai comitati locali dell’associazione su tutto il territorio.

La campagna, spiega Maura Chiulli, responsabile nazionale cultura dell’associazione, “vuole promuovere il ricorso alla denuncia quale strumento di contrasto all’omofobia. Denunciare è non essere né complici né vittime. Denunciare è un grande atto di responsabilità”.

A  conclusione delle celebrazioni si terrà a Roma una serata dal titolo “Pensieri e Musica contro l’omofobia” organizzata dal Comitato gay Street Roma e Arcigay. L’evento, realizzato da Diego Longobardi, vedrà intervenire, il 17 maggio dalle ore 21 e 30 in Via Di San Giovanni in Laterano angolo via Labicana, Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay, Massimiliano Monnanni, di Unar, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, Vanni Piccolo, leader del movimento lgbt, Ivan Scalfarotto di Parks, insieme a rappresentanti di OSCAD e rappresentanti dell’ambasciata americana.

A seguire l’esibizione, a titolo gratuito degli artisti Tia Architto, Karma B, Alba e il corpo di ballo di Muccassassina, Silvana della Magliana e Mario Gloss e con la partecipazione dell’attrice Vittoria Schisano e di Antonella Elia.

Inserita da il 16 maggio 2012