Lee Hee Ah: due mani, quattro dita. La storia di una pianista

Malformata sin dalla nascita, è sempre stata trattata come una persona perfettamente in grado di fare le cose necessarie per vivere e oggi mangia, cammina e usa i pedali del pianoforte regolati da lei stessa

Lee Hee AhNata con solo quattro dita (due per mano) e senza gambe (solo cosce, fino al ginocchio), Lee Hee-Ah ha adesso 26 anni, e rappresenta una fonte di ispirazione per tutti coloro che hanno avuto il piacere di conoscerla. Iniziò a suonare il pianoforte all’età di 7 anni solo per fini terapeutici, ma adesso è una pianista rinomata nel mondo. Malformata sin dalla nascita, è sempre stata trattata come una persona perfettamente in grado di fare le cose necessarie per vivere e oggi mangia, cammina e usa i pedali del pianoforte regolati da lei stessa. 
Quando nel 1985  Hee Ah Lee venne alla luce a Seoul (Corea del Sud), l’ospedale comunicò alla madre che non poteva prendersi cura della bimba a casa. Mentre i parenti pensavano di darla in adozione all’estero, la sua mamma era convinta che la sua bambina fosse bella, stabilendo in cuor suo addirittura che avrebbe vissuto una vita di successo.

All’età di soli 7 anni Lee ha vinto il diciannovesimo Concorso Nazionale Conquest Handicap, ricevendo il suo premio dalle mani del Presidente della Corea in persona.
Sono trascorsi quasi venti anni da allora, ma non si è affievolita la sua luminosa scia di conquiste: ha vinto numerosi premi, e ha fronteggiato più di 200 esibizioni in tutto il mondo. Il suo primo album intitolato “Hee-ah, una pianista con quattro dita” uscirà nel prossimo mese di giugno.


Inserita da il 1 maggio 2012