Michele Santoro candidato alla direzione generale della Rai

Il noto giornalista televisivo si candida ufficialmente alla direzione generale e alla presidenza della tv di Stato assieme a Carlo Freccero

santoroFabio Fazio e Roberto Saviano in prima serata, affidando la politica a Giovanni Floris, con Adriano Celentano spogliato dei suoi predicozzi e ricoperto da una nuova veste da talent scout: ecco il programma che ha in mente Michele Santoro per la Rai che verrà.
Il noto giornalista televisivo si candida ufficialmente alla direzione generale e alla presidenza della tv di Stato assieme a Carlo Freccero (richiesta inoltrata a Mario Monti con tanto di curricula), a pochi giorni dal pronunciamento della Commissione di Vigilanza sui futuri vertici Rai.
Nell’ultimo giorno del Festival del Giornalismo a Perugia, Santoro è un fiume in piena: “La Rai deve avere una struttura orizzontale, non più verticistica. Tutti debbono essere messi nelle condizioni di lavorare e avere un obiettivo ragionevole da conseguire e solo alla luce dei risultati, attraverso una lettura intelligente dei dati auditel, operare dei tagli”.
L’ex conduttore di Anno Zero spiega che la Rai non può continuare ad essere il principale terreno di propaganda politica, rischiando così di perdere altri punti.

 

Inserita da il 3 maggio 2012