Roma, sciopero metro e bus per venerdì 11 maggio 2012

Si annuncia un venerdì nero quello dell’11 maggio a Roma per cittadini e turisti a causa di due scioperi che riguarderanno per diverse ore bus, metro, tram e ferrovie cittadine. La prima agitazione – indetta da Cgil, Cisl, Uil, Ugl – ha la durata di 24 ore a partire dalle 24 della notte tra giovedì e venerdì. La seconda agitazione è invece di quattro ore (dalle 8.30 alle 12.30) ed è indetta da Fast Confsal.

I due scioperi riguarderanno l’intera rete di superficie (bus, filobus e tram) diurna e notturna; le due linee della metropolitana; le ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo; le biglietterie aziendali.

L’Atac avverte che, considerata la concomitanza di due scioperi, il trasporto sarà garantito dall’inizio del servizio diurno di venerdì (dalle 4.40 circa in poi, in base all’orario di servizio di ciascuna linea) alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Non sarà invece garantito il servizio delle linee notturne (dalla N1 alla N27) nella notte tra giovedì e venerdì. In caso di sospensione del servizio metroferroviario, sarà garantita la riattivazione dalle 17 per fascia di garanzia di legge per studenti e pendolari.

Per maggiori informazioni:

www.atac.roma.it

8 Comments on Roma, sciopero metro e bus per venerdì 11 maggio 2012

  1. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  2. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  3. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  4. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  5. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  6. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  7. non vedo alcuna novità.
    Per carità forse hano anche ragione a fare sciopero ma si devono convincere di una cosa che chi ci rimette sono i poveri mortali..Lavoratori come loro che a causa dello sciopero non possono andare a lavorare e vedersi defalcare una giornata lavorativa dalla busta paga.
    Ogni settimana uno sciopero.
    Scendete in piazza e andate a rompere a chi di dovere visto e considerato nìche nessuno vi ascolta.

  8. hai perfettamente raggione .anche 1 maggio sono stati creati disaggi per chi tornava dal lavoro .sono stata costretta a prendere il taxi pertornare a casa.UNA DOMANDA :MA L’ABONAMENTO PERCHE LO PAGHIAMO?

I commenti sono bloccati.