Al via il Festival dell’Impegno Civile

La kermesse giunta alla V edizione si svolge nelle ville, negli appartamenti, sui terreni una volta appartenuti alla camorra

Torna il “Festival dell’Impegno Civile”. La manifestazione, giunta alla sua V edizione, è promossa dal Comitato Don Peppe Diana e da Libera Caserta, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Il festival è realizzato sui beni confiscati alla criminalità organizzata. Nelle ville, negli appartamenti, sui terreni una volta appartenuti ai boss ci saranno spettacoli teatrali, concerti, presentazioni di libri, incontri, per valorizzare questo patrimonio e restituirlo alla collettività. Tre le province interessate agli eventi Napoli, Caserta e Avellino, 45 le associazioni in campo, coinvolti 16 comuni, 20 beni confiscati, 28 eventi, nessun finanziamento pubblico, oltre 100 ospiti.

Giugno e luglio saranno due mesi fitti di appuntamenti che seguono la linea rossa del “bene liberato”, il tema scelto per l’edizione di quest’anno “I beni confiscati sono simboli concreti di riscatto sociale e civile dalla violenza mafiosa”.

Don Peppe Diana fu assassinato il 19 marzo 1994 nella sacrestia della chiesa di San Nicola di Bari a Casal di Principe (Ce) , mentre si accingeva a celebrare la Santa Messa, per il suo impegno civile e religioso contro la camorra.

La kermesse, inaugurata l’8 giugno, si svolgerà fino al 3 agosto.

Per ulteriori informazioni: http://www.festivalimpegnocivile.it/

 

Inserita da il 12 giugno 2012