Crisi: UE in direzione salva-banche

La direttiva salva-banche che la Commissione europea si prepara ad approvare mercoledì prossimo è un ''elemento'' dell'unione bancaria alla quale puntano i 27 e non uno strumento per gestire la crisi che stanno attraversando oggi alcuni istituti di credito in Europa: lo ha detto Stefaan De Rynck, portavoce del commissario Ue al Mercato interno Michel Barnier

“Questa proposta di legislazione non è per gestire la crisi che c’è in alcune banche oggi”, ha commentato Stefaan De Rynck all’ANSA in una nota. “Stiamo lavorando da qualche anno per rafforzare la regolamentazione e la vigilanza del settore bancario in Europa ed è chiaro che questi due elementi in passato non hanno funzionato abbastanza bene – ha proseguito – Dare alle autorità nazionali gli strumenti ed i finanziamenti per la gestione delle risoluzioni è un elemento per la creazione di una unione bancaria”.

Il lavoro, quindi, non è finito, ha concluso il portavoce, ricordando i traguardi principali già raggiunti, come la creazione dell’Autorità bancaria europea (Eba) e il rafforzamento dei poteri di vigilanza di alcune autorità Ue, tra cui l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati.

Inserita da il 2 giugno 2012