Papa Ratzinger pranza con sette famiglie, rappresentanti di tutto il mondo

Dopo la messa a Bresso, papa Benedetto XVI ha pranzato in Arcivescovado insieme a sette famiglie, scelte in rappresentanza di tutto il mondo

Papa Ratzinger pranza con sette famiglie, rappresentanti da tutto il mondoA tavola con il Papa. Più vicino ai suoi fedeli che mai. Proprio ora che tutto degenera tra catastrofi e tragedie – anche la Chiesa stessa con scandali di vario genere – i fedeli si sentono vicini tra loro e si stringono attorno al loro focolare: il Papa.
E’ da più di 1000 anni che la Chiesa rappresenta il rifugio sicuro, sia come struttura politico-amministrativa che come l’esigenza di un dio, fonte di fondamenta morali, etiche e di un fine, una speranza che le sofferenze siano ricompensate.

Oggi, infatti, dopo la messa a Bresso, papa Benedetto XVI ha pranzato in Arcivescovando insieme a sette famiglie scelte in rappresentanza da tutto il mondo: da Baghdad, in Iraq, era presente la famiglia Hassib, da Kinshasa, in Congo, i coniugi Botolo, da Città del Messico la famiglia Gomez Serrano con il figlio e la nonna, dalla Spagna i coniugi Burgos, dall’Australia la famiglia Green, da Filadelfia la famiglia Tumco formata da 7 persone: papà, mamma e cinque figli. Da Milano la famiglia Colzani ha partecipato al pranzo con i 4 figli.

Al pranzo, durato circa un’ora, hanno preso parte anche l’arcivescovo di Milano Angelo Scola, tutti i cardinali presenti al VII Incontro delle famiglie, il seguito papale e il Consiglio episcopale milanese.

 

 

 

Inserita da il 3 giugno 2012