Sciopero dei mezzi pubblici venerdì 22 giugno

Previste due manifestazioni a Roma e a Milano

Inserita da il 20 giugno 2012

Si preannuncia un venerdì nero quello del 22 giugno, data per la quale è stato programmato uno sciopero generale dei sindacati di base compresi i trasporti pubblici. Si protesta contro la politica economica e sociale del Governo Monti. Fra i sindacati di base che hanno indetto la mobilitazione oltre a Cub, Usb, Orsa, Usi, Uni-Cobas e Si-Cobas. Hanno aderito – è stato reso noto – anche delegati Fiom della Ferrari e varie associazioni fra cui Forum diritto lavoro e Rete 28 aprile.

Fra le motivazioni della protesta ci sono  l’introduzione dell’Imu, la “vergognosa” ulteriore riforma delle pensioni del ministro Fornero e la mancata copertura di reddito di 390 mila esodati, la mancanza del diritto alla salute con “9 milioni di persone che non si curano per i ticket”, la prosecuzione della precarizzazione con riforma del lavoro con la “secca” riduzione degli ammortizzatori sociali e la modifica “gravissima” dell’art.18. Previste due manifestazioni: la prima a Roma e la seconda a Milano.

Lo stop dei mezzi pubblici riguarderà tutto il territorio nazionale per l’intera giornata ad esclusione dell’Emilia Romagna colpita dal terremoto. A rischio bus e metro, in modalità differenti da città a città ma anche i treni per lo sciopero di 24 ore, dalle 21 di giovedì alle 21 di venerdì, dei macchinisti iscritti all’Orsa.