Il libro della settimana – Voci e Presenze di Bruno Rondini

Un'autobiografia edita dalla casa editrice La Zisa

Inserita da il 11 luglio 2012

In “Voci e Presenze” Bruno Rondini ripercorre la propria storia, provando a mettere in fila i tanti incontri e le scelte che alla fine hanno strutturato la sua personalità.
L’autobiografia mantiene sempre il tono lieve e saggio di chi si sente in pace col mondo, i protagonisti animano minime vicende dove tutto sembra degno d’essere annotato.
«Nacqui con un bombolone in testa» esordisce Rondini, figlio di quelli che definisce due giovani scapestrati. La madre era stata sorpresa dalle doglie in una sala da ballo, il padre aveva ereditato il posto di dipendente Shell dal suo politicizzato genitore, che era squadrista fascista. L’infanzia del piccolo Bruno trascorre serena, sino al giorno in cui il padre perde la vita in un incidente con la moto. La spensieratezza diventerà solo un ricordo, le persone e le cose si arricchiscono di nuovi significati.

Adesso il bambino dolorosamente conosce quanto le certezze siano fragili, diventerà adulto mentre i particolari si incidono nella sua memoria. Dall’infanzia emerge il vissuto comune a tutta una generazione, quella dei cinquantenni di oggi, che per ultimi hanno vissuto in un’Italia premoderna. E forse riconoscono la piccola merceria descritta da Rondini: dove una vecchina vendeva tutto il necessario per la scuola, e anche dei pesciolini di liquerizia, «con dieci lire se ne comperavano dieci». E si poteva anche comprare «un panino con una tavoletta di cioccolata, con sole dieci lire!».

Bruno Rondini, nato a Marino nel 1956, vive a Pomigliano d’Arco (Napoli) dove svolge il suo lavoro di ingegnere in una ditta di apparecchi di sollevamento. Fa parte della Chiesa Evangelica Apostolica della comunità di Ponticelli a Napoli. Con la casa editrice La Zisa ha già pubblicato “Quello che non capivo” e “Nancy, tra sacro e profano”.