Oggi 7 agosto la Chiesa Cattolica celebra San Gaetano da Thiene

E' il santo protettore dei disoccupati, di chi cerca lavoro, e dei donatori di sangue

Inserita da il 7 agosto 2012

Il Santo nacque a Vicenza nel 1480 da una famiglia di nobili origini, quella dei Thiene, e fu battezzato col nome di “Gaetano” in ricordo di uno zio che si chiamava così perchè nato a Gaeta. Fin da giovane si prodigò a servizio dei giovani e degli esclusi, dedicandosi ad opere pie di carità e adoperandosi, in particolar modo, per i malati incurabili. Anche San Gaetano come altri religiosi fu seviziato dai Lanzichenecchi durante il Sacco di Roma dl 1527 e fu imprigionato nella Torre dell’Orologio in Vaticano. Riuscito a liberarsi si rifugiò a Venezia.

Nel 1533 si trasferì a Napoli stabilendosi prima all’Ospedale degli Incurabili, fondato in quel tempo dalla nobile spagnola Maria Lorenza Longo, insieme ad un convento di suore di clausura, dette ‘le Trentatrè’ e poi nella Basilica di S. Paolo Maggiore posta nel cuore del centro storico di Napoli, nella città greco-romana.

Fu in questa città che morì il 7 agosto 1547 a 66 anni, consumato dagli stenti e preoccupazioni.

Proclamato “Santo” nel 1671 da Papa Clemente X. E’ invocato come il “Santo della Provvidenza” ed è patrono e titolare delle congregazioni delle Povere Figlie di San Gaetano, delle Suore della Provvidenza di San Gaetano da Thiene e della Pia Società di San Gaetano.

L’iconografia tradizionale mostra San Gaetano abbigliato da monaco con un cuore alato sul petto. A volte viene rappresentato con un libro, una penna, un giglio, un cuore ardente, oppure con Gesù in braccio. Assieme a San Gennaro, è compatrono di Napoli, e patrono di Chieti. E’ il santo protettore dei disoccupati, di chi cerca lavoro, e dei donatori di sangue.