Home Auto Kia Optima Sportswagon: stile, spazio e versatilità

Kia Optima Sportswagon: stile, spazio e versatilità

Kia Optima Sportswagon: la prima station wagon di Kia nel segmento D si caratterizza per stile, spazio e versatilità. Kia Optima Sportswagon unisce raffinatezza e praticità

616
CONDIVIDI
Kia Optima Sportswagon
Kia Optima Sportswagon

Con la Kia Optima Sportswagon, derivato dell’affascinante concept SPORTSPACE, la casa coreana entra di prepotenza nel mercato delle station wagon di segmento D, cioè quello delle medie.
La Kia Optima Sportswagon unisce raffinatezza, propria della berlina, e praticità e slancio di una wagon. Sforzi e aspettative importanti quelle della Kia, considerando che nel segmento D i due terzi delle vendite sono rappresentate dai modelli station wagon.

Scopriamo in primis le dimensioni della Kia Optima Sportswagon: larghezza, 1860 mm, e lunghezza, 4.855 mm, sono le stesse della berlina; l’altezza, invece, per la presenza delle guide sul tetto, aumenta di 5 mm, fino a 1.470 mm.

Anche la Kia Optima Sportswagon mantiene le caratteristiche linee morbide e nette che definiscono il design delle Kia più recenti; il frontale resta quello della berlina mentre la parte posteriore leggermente rastremata ingentilisce l’impostazione station wagon.

posteriore Kia Optima Sportswagon
posteriore Kia Optima Sportswagon

Lo sbalzo posteriore sottolinea il volume del retro della carrozzeria ma il profilo è alleggerito dall’angolazione del lunotto e dal raccordo del tetto con il portellone, con il risultato di suggerire una personalità atletica difficile da ritrovare in un settore di solito molto tradizionalista.

La coda è caratterizzata dai gruppi ottici avvolgenti a LED, lo scudo paraurti ospita il terminale di scarico ovale ed è profilato per suggerire un “estrattore” aerodinamico inferiore che dà un tocco di sportività.

La gamma colori comprenderà nove tonalità mentre per le ruote saranno disponibili cerchi da 16 a 18 pollici e 19” sulla versione GT per il mercato Italia. 

Un occhio agli interni della Kia Optima Sportswagon
Interni Kia Optima Sportswagon
Interni Kia Optima Sportswagon

L’ampia plancia ha uno sviluppo orizzontale che accentua ulteriormente la sensazione di larghezza e spaziosità; come nella berlina, la qualità dei materiali è di livello superiore, con largo uso di superfici soft-touch, tessuti e pelli in tinte naturali e arricchimento in metallo.

L’insonorizzazione particolarmente curata porta la silenziosità a un livello superiore e aumenta il comfort di viaggio in tutte le condizioni.

La nuova Sportswagon è disponibile con interni neri per la versione Class e GT-Line, mentre gli interni rossi saranno disponibili solo nella versione GT con colore esterno nero (Black Edition). La console centrale ha finitura nero lucido con modanature cromo.

Le stesse tecnologie che fanno dell’Optima una delle vetture più innovative del proprio segmento si ritrovano nella Optima Sportswagon, a tutto vantaggio dell’efficienza, della praticità d’uso e del comfort di viaggio.

Optima Sportswagon è equipaggiata dell’ultima evoluzione del sistema AVN (Audio Visual Navigation) con schermi touchscreen da 7 pollici (o 8 pollici con il navigatore integrato) e sistema radio digitale DAB+.

Questo modello è anche fra le prime Kia a disporre dei software Android Auto™, sviluppato per collegarsi con i cellulari Android 5.0 (Lollipop) e Apple CarPlay™ per iPhone 5 e successivi per la gestione vocale delle varie funzioni. Android Auto™ integra il cellulare e dà accesso a tutte le applicazioni presenti, comprese le attivazioni vocali, Google Maps, i messaggi e la possibilità di scaricare brani da Google Play Music senza distogliere l’attenzione dalla strada. Apple CarPlay™ renderà disponibile il controllo vocale Siri per tutte le funzioni, incluse Apple Maps e la dettatura messaggi, più la fruizione dei contenuti del proprio iPhone.

Il sistema AVN integra anche il Kia Connected Services, fornito gratuitamente ai possessori di Optima Sportswagon per la durata di sette anni, che rende disponibili una serie di importanti informazioni fornite attraverso il circuito TomTom™, comprese informazioni aggiornate sul traffico, previsioni meteo e indicazioni della presenza di controlli di velocità. Gli aggiornamenti periodici del sistema sono forniti gratuitamente per tutta la durata della garanzia estesa Kia di 7 anni.

Il sistema di infotainment con touch screen è equipaggiato di serie con un impianto a sei altoparlanti e a richiesta con il potente (490 watt) Harman Kardon Premium Sound System, con 10 altoparlanti, amplificatore esterno e la tecnologia Clari-Fi™ per il miglioramento dei file MP3.

Un’altra innovazione esclusiva riguarda il sistema di ricarica wireless per cellulari e tablet che risponde alla crescente richiesta del pubblico per le moderne tecnologie. Collocato alla base della console centrale il dispositivo consente di ricaricare i device in marcia senza alcun cavo di collegamento. Un sensore registra la presenza di un apparecchio compatibile e attiva la ricarica a 5 watt, il livello di carica viene indicato nel cruscotto e il sistema è progettato per prevenire eventuali surriscaldamenti.
Sono inoltre presenti, a seconda delle versioni, due tradizionali sistemi di ricarica USB, uno anteriore e uno posteriore.

A seconda delle versioni per i diversi mercati, Kia Optima Sportswagon potrà disporre dell’Around View Monitor con quattro telecamere che proiettano nel display la vista a 360° attorno alla vettura (opzione incluse nel Premium Pack), del sistema SPAS (Smart Parking Assist System) per effettuare automaticamente le manovre di parcheggio e del DBH (Dynamic Bending Headlamps) che modifica il fascio dei proiettori in funzione dei movimenti di sterzo.

Praticità e versatilità con il sedile posteriore abbattibile in tre sezioni 40-20-40

La nuova Sportswagon rappresenta la praticità in chiave Optima e in questo senso offre le migliori soluzioni di spazio e flessibilità.

Il volume di carico è uno dei più ampi della sua categoria con fino a 552 litri (VDA) di capacità in configurazione a 5 posti. Una serie di ulteriori accorgimenti esalta lo sfruttamento del volume disponibile in tutte le condizioni: una rete divisoria fra il bagagliaio e l’abitacolo, le guide regolabili per il fissaggio del carico (per GT-Line e GT), la soglia di ingresso bassa e l’apertura automatica del portellone quando ci si avvicina con la smart key in tasca.

La panchetta posteriore di serie è frazionata in tre parti 40-20-40 reclinabili singolarmente in modo da accogliere eventuali oggetti lunghi mantenendo, però, lo spazio necessario ad ospitare comodamente uno o due passeggeri. La copertura del vano di carico è asportabile e trova posto sotto il pianale in modo da essere sempre disponibile.

Scocca eccezionalmente robusta per la Kia Optima Sportswagon

La scocca della Optima Sportswagon garantisce un altissimo livello di sicurezza grazie alla progettazione sviluppata con le soluzioni più moderne e l’utilizzo molto esteso di acciai ad alta e altissima resistenza, a beneficio della robustezza e delle capacità di assorbimento in caso d’urto.

Il progresso riguarda sia la sicurezza passiva sia quella attiva, con l’adozione di soluzioni e dispositivi che permetteranno di ottenere la classificazione a 5 stelle nei test ufficiali Euro NCAP (già certificate nel caso della Optima berlina).

Gli acciai speciali sono stati utilizzati per irrobustire i montanti, i brancardi laterali, il pianale e i passaruota e, in particolare, il vano posteriore nelle parti specifiche della Sportswagon.

All’interno del robusto abitacolo della Kia Optima Sportswagon si trovano sette airbag (anteriori, per le ginocchia del guidatore, laterali e a tendina) di serie per il massimo livello di protezione degli occupanti.

Sul piano della sicurezza attiva, la Kia Optima Sportswagon dispone dei più efficaci dispositivi elettronici per la prevenzione e la protezione da possibili collisioni; queste tecnologie rientrano nel programma DRIVE WISE che definisce la filosofia Kia nel campo della sicurezza attiva e identifica i nuovi dispositivi di assistenza alla guida ADAS (Advanced Driver Assistance Systems).

Il VSM (Vehicle Stability Management) adottato di serie, assicura il massimo di stabilità in frenata e in curva, in connessione con l’ESC (Electronic Stability Control) e il servosterzo elettrico.

La disponibilità di sistemi di sicurezza della Kia Optima Sportswagon comprende inoltre:

ASCC (Advanced Smart Cruise Control), che controlla la velocità di crociera e la distanza di sicurezza
AEB (Autonomous Emergency Braking), che frena automaticamente in caso di potenziale collisione con un veicolo o un pedone
LKAS (Lane Keeping Assist System), per il mantenimento della marcia in corsia e la segnalazione di passaggio delle linee senza attivare gli indicatori di direzione
HBA (High Beam Assist), per la regolazione automatica dei proiettori
SLIF (Speed Limit Information Function), che indica i limiti di velocità in vigore lungo il percorso
BSD (Blind Spot Detection), con segnalazione nello specchietto della presenza di un veicolo nell’angolo morto della visuale posteriore
RCTA (Rear Cross Traffic Alert) che segnala l’arrivo di un veicolo quando si manovra in uscita da un parcheggio a pettine.

Il sistema AEB della nuova Optima rappresenta un’esclusiva in questo segmento in Europa in quanto, oltre al radar di corta portata, dispone di un radar a lunga portata in grado di riconoscere gli ostacoli a maggiore distanza ed a maggiore velocità rispetto ai sistemi tradizionali.

Il radar a corta portata “City” aiuta a ridurre il pericolo di collisione con ostacoli fermi nell’intervallo fra 8 e 60 km/h, mentre quello “Urban” a maggiore portata riconosce gli ostacoli in movimento con velocità relativa da 8 a 80 km/h. Il sistema AEB è anche in grado di identificare un pedone fino a 60 km/h, riducendo drasticamente l’eventualità di investimento e le possibili conseguenze.

Comfort e dinamica di prim’ordine per la Kia Optima Sportswagon anche con sospensioni a controllo elettronico

Un aspetto fondamentale della nuova Optima Sportswagon riguarda le sue caratteristiche di guida, perfezionate grazie ad un particolare lavoro di messa a punto delle sospensioni per ottimizzare, comfort, capacità di carico, agilità e piacevolezza di guida.

Le sospensioni a quattro ruote indipendenti sono state adattate alle possibilità di carico e alla differente distribuzione dei pesi della Sportswagon. Il nuovo schema del pianale delle Optima, con una diversa disposizione dei sottotelai è stato messo a punto per raggiungere più alti livelli di precisione di guida e di motricità nelle condizioni più impegnative.

Al retrotreno lo schema a quadrilateri utilizza bracci doppi (nella generazione precedente erano singoli) con supporti elastici maggiorati per isolare in modo più efficace la scocca da rumorosità e vibrazioni.

Il servosterzo elettrico R-MDPS ha il motore montato direttamente sulla cremagliera per una risposta più precisa e lineare ed un miglior feeling al volante particolarmente nella marcia in rettilineo.

Tutti gli interventi contribuiscono a dare alla nuova Kia Optima Sportswagon un comportamento su strada ai vertici della categoria.

Le sospensioni a controllo elettronico ECS che utilizzano valvole regolabili all’interno di tutti gli ammortizzatori sono di serie esclusivamente sulla versione GT.

Le valvole ECS sono collegate a un accelerometro integrato nella centralina di controllo e due accelerometri in corrispondenza delle ruote anteriori.

Elaborando i dati provenienti dai sensori, dalla scatola guida e dal pedale dell’acceleratore la centralina modifica conseguentemente la taratura di ciascuna sospensione. Il pilota ha la possibilità di scegliere due soluzioni base: una “sport” e una “normale”.

Motori a benzina e diesel, cambi manuale e automatico

Il rinnovato diesel 1700 CRDi vanta eccezionali prestazioni con consumi ridotti; sono, inoltre, migliorate la risposta e ridotta la rumorosità. Può essere abbinato ad un cambio manuale a 6 marce o all’innovativo automatico a doppia frizione a sette rapporti.

La potenza è ora di 141 CV con una coppia massima di 340 Nm ed emissioni di CO2 di 113 gr/km con il cambio manuale e di 120 gr/km con il cambio automatico a cui corrispondono consumi medi di 4,4 e 4,6 litri/100 km.

La GT con propulsore 2.0 T-gdi accelera da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi e ha un consumo medio di 8,2 litri per 100 km con emissioni di CO2 di 173 gr/km.