Home Arte News Arte Buon compleanno Massimo Troisi. Un murales per ricordarlo

Buon compleanno Massimo Troisi. Un murales per ricordarlo

A San Giorgio a Cremano un murales di Jorit Agoch per ricordare Massimo Troisi, indimenticato attore e regista napoletano

1075
CONDIVIDI
massimo troisi
massimo troisi

Sessantaquattro anni fa nasceva Massimo Troisi. Era il 19 febbraio 1953 quando nella città di San Giorgio a Cremano (Napoli) veniva al mondo uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiano. Con la sua irresistibile ironia, Troisi ha saputo regalare al suo pubblico momenti di indimenticabile comicità raccontando, con uno sguardo molto attento alla società italiana dopo il terremoto del 1980, i disagi di una generazione, quella degli anni Ottanta, dando vita ad una nuova tipologia napoletana di antieroe, la vittima dei tempi moderni, un personaggio che riflette tuttora i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni.

E come si sa non c’è compleanno senza regalo. Anche se Massimo non è più tra noi, la città di San Giorgio a Cremano ha voluto ugualmente rendergli omaggio con un murales opera di Jorit Agoch, l’artista della bambina di Ponticelli, del San Gennaro operaio a Forcella, di Fedez a Pianura, che ha dipinto l’attore e regista proprio nella sua città natale.

L’opera si compone di tre parti di cui la prima, tratta dal film «Ricomincio da tre», ritrae il dialogo tra Lello Arena e lo stesso Massimo sul tema del miracolo facile e del miracolo difficile. La seconda dalla pellicola «Non ci resta che piangere» è incentrata sull’indimenticabile scena del bidello Mario (Massimo Troisi) che detta una lettera all’insegnante Saverio per chiedere clemenza a Savonarola, l’influente frate predicatore nella teocratica Firenze dell’epoca. La terza e ultima scena infine, quella che cattura maggiormente l’attenzione di chi osserva, è tratta dal film «Il Postino», è il bacio tra Mario (Massimo Troisi) e Beatrice (Mariagrazia Cucinotta).

Malato di cuore sin dall’infanzia, Massimo Troisi morì il 4 giugno 1994 a Ostia per un fatale attacco cardiaco. La sua ultima interpretazione cinematografica fu nel film “Il postino” candidato ai premi Oscar come miglior attore e per la miglior sceneggiatura non originale.