Home Stasera in tv Film stasera in tv 8 marzo Festa della donna

Film stasera in tv 8 marzo Festa della donna

Quali sono i film di stasera in tv? Che film o telefilm c'è stasera in tv 8 marzo Festa della donna? Che film su Canale 5? Che film c'è su Italia 1 o su Rai1? E su Rai1 e Rai 2?

1174
CONDIVIDI
Sei mai stata sulla luna
Sei mai stata sulla luna

8 marzo Festa della donna: quali sono i film di stasera in tv e quali i programmi tv di stasera? Che film o telefilm ci sono stasera in tv mercoledì 8 marzo Festa della donna 2017? Che film è trasmesso su Canale 5? Che film c’è su Italia 1 o su Rai3? Che telefilm su Rai 2 o su Italia 2? Cosa c’è stasera su Rai Storia?

Stasera in tv su Canale 5 appuntamento con il talent kids LITTLE BIG SHOW. Stasera in tv su Rete 4 in onda per tutta la famiglia il film BRAVEHEART – CUORE IMPAVIDO con Mel Gibson, Sophie Marceau e Patrick McGoohan. Stasera in tv su Italia 1 appuntamento con LE IENE. Su Rai3 c’é CHI L’HA VISTO? e su RAI2 nuovo doppio appuntamento con la serie LA PORTA ROSSA. Stasera su Rai1 c’è SEI MAI STATA SULLA LUNA?, commedia di Paolo Genovese con Raul Bova e Liz Solari.

Buona visione e buona Festa della donna a tutte dalla Redazione di Universy.it!

RAI1: SEI MAI STATA SULLA LUNA?
Una commedia di Paolo Genovese con Raul Bova e Liz Solari
8 marzo 2017 festa della donna – 21:25

Mercoledì 8 marzo alle 21.25 Rai1 trasmette il film di Paolo Genovese “Sei mai stata sulla luna? con Raul Bova, Liz Solari, Dino Abbrescia, Nino Frassica e Neri Marcorè. Guia ha 30 anni, lavora in una prestigiosa rivista internazionale di moda, guida una spider di lusso, viaggia in jet privato e vive tra Milano e Parigi. Ha tutto, o almeno crede di avere tutto, fino a quando si ritrova in uno sperduto paese della Puglia dove incontra Renzo, un affascinante contadino del posto. Capisce che l’unica cosa che le manca è l’amore, quello vero…

Canale 5: LITTLE BIG SHOW
8 marzo 2017 festa della donna – 21:10

Gerry Scotti è alla guida di “Little Big Show”, il primo e originale talent kids, senza gara e senza giuria, che sta spopolando in tutto il mondo. Protagonisti del nuovo show prodotto da Endemol Shine Italy bambini dotati di un talento fuori dal comune nelle discipline più disparate: sportive, artistiche, scientifiche e culturali. Piccoli atleti di vari sport, dal golf al kick boxing, musicisti, inventori in erba, cantanti, portenti della matematica o dotati di una memoria pazzesca, ballerini, e giovani abili in molto altro ancora. Aspetto fondamentale e’ che a “Little Big Show” non ci saranno né vincitori né vinti. Le esibizioni, infatti, non verranno giudicate e non sarà presente alcuna giuria. Perfetto mix tra talent, talk e comedy show, senza l’ansia della competizione, “Little Big Show” e’ un programma che riuscirà a riunire davanti alla tv tutta la famiglia.

Rete4: BRAVEHEART – CUORE IMPAVIDO
8 marzo 2017 festa della donna – 21:15

Il giovane William Wallas, rimasto orfano a causa di una serie di rappresaglie messe in atto da Edoardo I, re d’Inghilterra, viene affidato allo zio Argyle, un uomo di cultura, con il quale viaggia e conosce L’Europa, le lingue e l’uso della spada.
Diventato uomo torna nel villaggio natio e qui ritrova, oltre ai vecchi amici, la bella Murron, della quale si innamora ricambiato. I due ragazzi decidono di sposarsi in segreto, per evitare la ius primae noctis decretata dal governo della corona.
Ben presto il sogno di una vita pacifica viene infranto dall’uccisione, per mano di soldati inglesi, di Murron, punita per il suo tentativo di opporsi ad un loro abuso. William inizia così la sua vendetta coinvolgendo il popolo scozzese stanco dei soprusi del tirannico dominio inglese.

CAST di BRAVEHEART: Mel Gibson, Sophie Marceau, Patrick McGoohan, Catherine McCormack, Brendan Gleeson

BRAVEHEART ha vinto 5 Oscar su 10 nomination e Mel Gibson è stato premiato con il Golden Globe per la miglior regia.

RAI3: CHI L’HA VISTO?
I casi Li Yinglei e Elena Vergari
8 marzo 2017 festa della donna – 21:15

Due casi di donne scomparse per la Procura di Civitavecchia. Di Li Yinglei, la donna cinese in crociera nel Mediterraneo con i due figli piccoli e il marito irlandese, si perdono le tracce il febbraio scorso. Quando la nave arriva a Civitavecchia scende solo il papà con i due bambini. La mamma è sparita. Anche sulla scomparsa di un’altra mamma, Elena Vergari, si indaga a Civitavecchia, ma il caso viene archiviato. Elena, da 12 anni nella ‘terra degli scomparsi’, è svanita dalla sua casa di Ladispoli, dove viveva col figlio e il marito. Nella puntata di domani mercoledì 8 marzo di Chi l’ha visto?, in onda alle 21.15 su Rai3, spazio anche al giallo di Carlotta, la giovane stilista milanese trovata morta nel maggio scorso. Per questo caso, archiviato come suicidio, il pm di Milano ha disposto nuove indagini. Per contattare la redazione attraverso i social: facebook: www.facebook.com/chilhavisto/ – twitter @chilhavistorai3, sito: www.chilhavisto.rai.it – email  8262@rai.it – WhatsApp 345 313 1987. Per assistere al programma in diretta dallo studio bisogna prenotarsi attraverso il numero  06.8262 o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica 8262@rai.it.

RAI STORIA: I GRANDI DISCORSI DELLA STORIA
Le parole di donne coraggiose
8 marzo 2017 festa della donna – 19:00

Dal discorso “Education first!” tenuto all’Onu da Malala Yousafzai, la sedicenne pakistana che ha commosso il mondo per la sua resistenza al regime talebano, a quello dell’eroina birmana Aung San Suu Kyi alla cerimonia del Premio Nobel per la pace, che ha potuto ritirare solo 21 anni dopo l’assegnazione. Dalle parole di Nilde Iotti alla Camera per l’approvazione della legge sul divorzio, nel 1969, ai vibranti “The lady’s not for turning” di Margaret Thatcher ai colleghi del Congresso e il “No, no, no” alla moneta unica. E, infine, lo struggente discorso in chiesa di Rosaria Costa, vedova dell’agente Vito Schifani, morto nella strage di Capaci insieme a Giovanni Falcone. Alle parole di donne coraggiose è dedicato il nuovo appuntamento con “I grandi discorsi della Storia”, il programma di Rai Cultura condotto da Aldo Cazzullo, in onda mercoledì 8 marzo alle 19.00 su Rai Storia. Oltre all’analisi retorica e linguistica di Flavia Trupia, ci sono i contributi di Emma Bonino, della scrittrice Dacia Maraini, dei giornalisti Ritanna Armeni, Felice Cavallaro, Christina Lamb e  Sergio Romano, e le testimonianze dirette di Rosaria Costa, che spiegherà le sensazioni e le parole usate dalla vedova Schifani nel duomo di Palermo, di Albertina Soliani, accompagnatrice di Aung Sun Suu Kyi nel suo viaggio in Italia, e di Giorgio Frasca Polara, segretario personale di Nilde Iotti. “Grandi Discorsi della Storia” è un programma a cura di Erika Brenna, scritto da Aldo Cazzullo e Luciano Palmerino, con la regia di Tommaso Vecchio e Jovika Nonkovic.

Nilde Iotti
Nilde Iotti

RAI5: QUATTRO SECOLI DI ARTE AL FEMMINILE
Le donne nella storia dell’arte
8 marzo 2017 festa della donna – 20:20

Artemisia Gentileschi, Rosa Bonheur, Berthe Morisot, Sofonisba Anguissola o Elisabeth Vigée Lebrun sono nomi che solo pochi esperti sanno collocare nella giusta corrente artistica o epoca storica.  In realtà si tratta di pittrici che hanno lasciato un segno nell’arte occidentale, per tradizione narrata principalmente attraverso le opere di artisti uomini. Il documentario “Quattro secoli di arte al femminile” che Rai Cultura propone mercoledì 8 marzo alle 20.20 su Rai5 racconta le loro storie.
Dal Rinascimento al Novecento, l’apporto dell’arte al femminile è stato grande, anche se maturato sempre tendenzialmente nell’ombra. Eppure, tra il XVI e XX secolo, molte donne hanno prodotto capolavori degni dei più grandi nomi delle correnti artistiche occidentali. Il documentario vuole rendere omaggio ad artiste che, nell’arco di quattro secoli, hanno saputo continuare a dipingere e rappresentare il mondo attraverso la loro sensibilità e il loro talento, pur rimanendo spesso lontane dall’ufficialità delle accademie.

RAI STORIA: ARGO
Il coraggio
8 marzo 2017 festa della donna – 21:10

Da quello “in vendita” dei mercenari o dei soldati di ventura a quello rimasto impresso nelle lettere dei kamikaze giapponesi, da quello civile di personaggi come Giorgio Ambrosoli a quello di una donna come Lea Garofalo. E’ il coraggio il protagonista del nuovo appuntamento con Valerio Massimo Manfredi e “Argo”, il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 8 marzo alle 21.10 su Rai Storia.
Tra i personaggi di cui il programma racconta le scelte coraggiose, Fosco Maraini che – di fronte alle accuse di viltà dei suoi carcerieri mentre è prigioniero in Giappone – arriva all’automutilazione; Fulvio Croce, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Torino, che nonostante le minacce di morte dei terroristi accetta l’incarico di difensore d’ufficio degli imputati al primo processo alle BR; Giorgio Ambrosoli, avvocato liquidatore della Bpi, ucciso dai sicari mandati da Sindona. E proprio di Ambrosoli vengono proposte una parte dell’ultima intervista recuperata dalle Teche Rai e le parole scritte in una lettera alla moglie, prima di essere assassinato.
Ma, a volte, per essere coraggiosi basta un solo “no”, un rifiuto, che diventa un atto di impegno civile ed etico. È il caso dei dodici professori che rifiutarono il giuramento di fedeltà imposto dal regime fascista e ne pagarono dure conseguenze. Lo storico Carlo Greppi racconta la vicenda di uno di loro, il professor Mario Carrara. Il linguista Michele Cortelazzo, dell’Università di Padova, svela invece la vera origine di un motto spesso attribuito a Mussolini: “meglio vivere un giorno da leone che cent’anni da pecora”.
Nella Giornata internazionale della Donna, infine, tre storie dedicate ad altrettante donne: Rosa Louise Parks, una cucitrice afroamericana che nel 1955 infrange le norme segregazioniste cittadine, rifiutandosi di lasciare a un bianco il suo posto in autobus; Angela Casella – madre di Cesare, rapito nel 1988 e detenuto per 743 giorni – che non si dà per vinta, scende nella Locride, si incatena nelle piazze, cerca la solidarietà delle donne e si guadagna il soprannome di “madre coraggio”; e Lea Garofalo, che paga con la vita la scelta di diventare collaboratrice di giustizia per amore della figlia Denise.

RAI2: LA PORTA ROSSA
Nuovo doppio appuntamento con la serie
8 marzo 2017 festa della donna – 21:20

Nuovo doppio appuntamento con la fiction “La porta rossa”, in onda su Rai2 mercoledì 8 marzo alle 21.20. Dopo avere salvato Anna, minacciata da Lorenzi, Cagliostro realizza che il collega è la talpa, ma non il suo assassino. L’uomo che ha ucciso Cagliostro è in circolazione e Anna è ancora in pericolo. Trovata e interrogata Helena, l’informatrice di Cagliostro, Anna scopre che è stata lei a fornirgli la dritta sul Messicano il giorno in cui è morto. Questa rivelazione permette ad Anna di ritrovare la fiducia nell’uomo che ha sempre amato e in virtù di questo sentimento incomincia a percepire sempre di più la presenza di suo marito accanto a lei. Infine, Vanessa viene messa in guardia da sua madre sui pericoli del rapporto con i morti: spesso possono mettete in pericolo chi li vede…
Anna riprende l’indagine sul traffico di Red e su Ambra Raspadori, la ragazza morta per overdose, anche grazie agli indizi che Vanessa le recapita dì nascosto. I metodi che Anna segue non sono  propriamente rispettosi delle regole, ma molto più simili a quelli che aveva sempre usato suo marito. Questo modo di operare manda Piras su tutte le furie. Nella sua indagine non autorizzata, Anna si fa aiutare da Stella e da Paoletto, che scoprono una nuovo complicità, non solo professionale. Vanessa, lasciata da Filip e arrabbiata con Cagliostro che l’ha “usata” per raggiungere i suoi fini, si riavvicina a Raffaele, senza sapere che il ragazzo sta nascondendo qualcosa di grave e pericoloso.

LA PORTA ROSSA
LA PORTA ROSSA

RAI5: MUSIC ICONS
Patti Smith: Dream of Life
8 marzo 2017 festa della donna – 21:25

Libera, forte, indipendente, iconoclasta, poetessa, musa, musicista e icona rock, nonché madre e vedova. Tutto questo, e non solo, è Patti Smith. Una personalità complessa, raccontata dal documentario di Steven Sebring “Patti Smith: Dream of Life”, che Rai Cultura propone mercoledì 8 marzo alle 21.25 su Rai5.
Il documentario inizia con la voce di Patti Smith che racconta la propria vita sotto forma di un ruvido elenco di fortune e sfortune. Attraverso filmati sul palco e ritratti privati, il documentario ripercorre l’esistenza di questa musa dell’America intellettuale anni Settanta, svelando la storia di una grande artista del Novecento. Anche chi non ha mai sentito neppure una nota di Patti Smith e non conosce la sua voce assertiva, entra fin dalla prima scena in un mondo artistico unico, quello di una poetessa maudit, musicista e madre attentissima, travolta dai lutti e costante nella ricerca. Chi ha visto invece i suoi concerti e chi l’ha seguita, per la prima volta ha la visione completa di un’artista per cui la musica non è che uno dei tanti piani di espressione. Colonna sonora del film è la voce della Smith, che parla e canta, legge, elenca. Il regista Steven Sebring, fotografo di moda e regista di videoclip, ha incontrato Patti Smith nel 1994. Da allora l’ha seguita e ha speso tutte le sue energie e le sue finanze per realizzare questo documentario.