Home News Pensioni Pensioni 2017: APE sociale, volontaria e aziendale

Pensioni 2017: APE sociale, volontaria e aziendale

L'APE permette di andare in pensione a partire da 63 anni di età: non si tratta di anticipo pensionistico ma di un finanziamento. APE sociale, volontaria e aziendale

475
CONDIVIDI
Pensione

Pensioni 2017 e APE: negli ultimi mesi, la materia relativa alle pensioni ha visto salire prepotentemente alla ribalta l’acronimo APE, che indica il cosiddetto anticipo pensionistico previsto dalla Legge di Bilancio 2017.

L’APE permette di andare in pensione a partire da 63 anni di età, a condizione, tuttavia, che nei successivi 3 anni e 7 mesi il soggetto interessato maturi effettivamente il diritto alla pensione di vecchiaia. A dire il vero non si tratta di un autentico anticipo pensionistico, in quanto non siamo in presenza di una riduzione dei requisiti di età o di contribuzione, ma di un vero e proprio finanziamento.

APE sociale, volontaria e aziendale

In effetti, la Legge di Bilancio 2017 ha previsto tre tipologie di APE: sociale; volontaria; aziendale.
L’APE volontaria consiste in un prestito concesso dalle banche, che il pensionato dovrà restituire a rate, in venti anni, a partire dal momento in cui avrà maturato i requisiti per ottenere la pensione di vecchiaia.
L’ape aziendale ha una forte similitudine con l’APE volontaria: tuttavia, è relativa esclusivamente a situazioni di crisi e il costo non grava sui lavoratori, ma sulle aziende.
L’APE sociale riguarda solo determinate categorie di lavoratori e il costo è a carico dello Stato.

Per ciascuna tipologia è prevista, a breve, l’emanazione di un Dpcm, decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri.

APE sociale

In questo articolo andiamo ad analizzare, in particolare, l’APE sociale, per la quale sono stati stanziati 300 milioni di euro. Essa consente di anticipare a 63 anni il pensionamento con il riconoscimento di un’indennità, a carico dello Stato, per il periodo di tempo che intercorre tra l’accesso (all’APE) e il raggiungimento dell’età per conseguire la pensione di vecchiaia.

Occorre sottolineare che l’APE sociale risulta incompatibile con: una pensione diretta; eventuali altri redditi da lavoro superiori a 8.000 euro annui; un’eventuale indennità di disoccupazione.

Infine, ricordiamo che l’APE sociale verrà erogata in 12 mensilità e non potrà superare l’importo di 1.500 euro al mese.

Domanda per l’APE sociale

La domanda per ottenere l’APE sociale potrà essere presentata a partire dal 1° maggio.
I lavoratori interessati sono coloro che abbiano compiuto 63 anni e rientrino in una delle seguenti categorie:
1) disoccupati, a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, per dimissioni per giusta causa o per risoluzione consensuale nell’ambito della procedura di licenziamento per motivo oggettivo, che abbiano concluso integralmente, da almeno tre mesi, la prestazione per la disoccupazione spettante e che possano vantare almeno 30 anni di contributi;
2) invalidi al 74% con almeno 30 anni di contributi;
3) lavoratori che assistano, al momento della domanda e da non meno di sei mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ex art. 3 della legge n. 104/1992), e che abbiano almeno 30 anni di contributi;
4) lavoratori dipendenti impegnati in maniera continuativa da non meno di sei anni in attività cosiddette gravose e in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 36 anni.

APE sociale e attività gravose

Le attività gravose sono quelle esercitate da: operai dell’edilizia, dell’industria estrattiva e della manutenzione degli edifici; conduttori di grù e di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni; conduttori di treni e personale viaggiante; conduttori di camion e mezzi pesanti; lavoratori delle concerie; professioni sanitarie infermieristiche con lavoro organizzato in turni; addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza; insegnanti di scuola pre-primaria; facchini addetti allo spostamento di merci; operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti; personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia.