Home Arte Mostra e Eventi I Tesori Nascosti. Grande successo per la mostra curata da Vittorio Sgarbi

I Tesori Nascosti. Grande successo per la mostra curata da Vittorio Sgarbi

Ampliamento di orario per la mostra “I Tesori Nascosti. Tino da Camaino – Caravaggio – Gemito” ospitata nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta

533
CONDIVIDI
I Tesori Nascosti

Grande successo per la mostra “I Tesori Nascosti. Tino da Camaino – Caravaggio – Gemito”.
Ben 150 capolavori dell’arte italiana, approdati lo scorso 6 dicembre 2016 nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, nel cuore del centro storico di Napoli, potranno essere ammirati dai visitatori fino al 28 maggio.
“La caccia ai quadri non ha regole, non ha obiettivi, non ha approdi, è imprevedibile. Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative”. Così ha dichiarato il famoso critico d’arte Vittorio Sgarbi, curatore della mostra.sculture

L’obiettivo è quello di “portare alla luce” ciò che normalmente è “nascosto”: opere d’arte che non sono esposte nei musei pubblici ma appartengono a fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati – di conseguenza, difficilmente visibili al grande pubblico. Si tratta dunque di dare spazio al mistero del collezionismo, che secondo Sgarbi è «l’interesse per ciò che non c’è».

Con l’approdo della mostra a Napoli, è giunta nella città partenopea un’ennesima opera di Michelangelo Merisi detto Caravaggio: “La Maddalena addolorata”, (quelle permanenti sono “La flagellazione” custodita a Capodimonte, “Le sette opere della Misericordia” custodita al Pio Monte e “Il Martirio di Sant’Orsola” a Palazzo Zevallos). Qui la Maddalena, rappresentata in una posa teatrale, è abbandonata in una raccolta malinconia. La tela fu dipinta da Merisi nel 1605-1606 poco prima di rifugiarsi a Napoli, nel 1606, dove visse per circa un anno.Dipinto

Le opere attraversano un arco di tempo che va dal XIII secolo sino al Novecento, con l’obiettivo di mostrare l’evoluzione artistica di stili e correnti che si dipana tra una testa di maestro federiciano del 1250, sino a un autoritratto di Antonio Ligabue.

Il successo dell’esposizione ha indotto gli organizzatori a prevedere per il mese di maggio un ampliamento di orario, il sabato e la domenica, con chiusura della mostra alla mezzanotte.

Inclusa nel biglietto una App, che mette a disposizione i contenuti della mostra, illustrati da un’audioguida d’eccezione: Vittorio Sgarbi.

Previste visite guidate e una ricca offerta didattica per le scuole (il programma è scaricabile direttamente dal sito della mostra www.itesorinascosti.it).

Per info e prenotazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo visiteguidate@itesorinascosti.it.