Home Lifestyle Tv Il riso italiano è garanzia per il consumatore

Il riso italiano è garanzia per il consumatore

Valore e qualità del riso italiano sono indiscutibili: è sulle importazioni selvagge di riso dall’oriente che non ci sono garanzie sanitarie per il consumatore

370
CONDIVIDI
Campo di riso

Riso: cosa è e quanto vale un chicco di riso? Il valore del riso italiano è indiscutibile: per biodiversità, per la qualità delle acque, per una storia antichissima, per la continua ricerca che si è fatta sulle piante che hanno portato ad avere risi di qualità assoluta.
Lo racconta Linea Verde nella puntata odierna in occasione dei 150 anni del Canale Cavour, opera idraulica senza pari in Italia che sfrutta le acque del Po, della Dora Baltea e del Lago Maggiore per irrigare 330 mila ettari di risaie tra Piemonte e Lombardia.
Daniela Ferolla sorvolerà la distesa a perdita d’occhio delle risaie delle terre del “mare a scacchi” tra Novara e Vercelli opera dell’ingegno di chi ha progettato e realizzato un secolo e mezzo fa questa enorme via d’acqua (si snoda per quasi 90 chilometri da Chivasso a Novara) a scopo esclusivamente irriguo. E sempre Daniela porta il telespettatore a conoscere la prima coltivazione di riso in pianura padana; quella che a partire dal XII secolo fecero i monaci cistercensi.
Ma Daniela ha scoperto anche i nuovi mondini”. Sono ragazzi che arrivano dalla Cina e che lavorano nelle risaie biologiche esattamente come si faceva fino agli anni Sessanta.
Si mette poi ai fornelli per cucinare la panissa, la ricetta tipica del vercellese e, con i “sommelier del riso”, racconta come riconoscere le diverse qualità del riso e come usarle al meglio in cucina.

A parlare della storia delle “mondine”, rifacendosi anche al film culto Riso Amaro, è Patrizio Roversi che ha scovato, quasi intatto, l’ultimo “dormitorio” delle monda riso. Patrizio racconta che fino agli anni ’60 ogni ettaro di riso richiedeva 1200 ore di lavoro, oggi ne bastano 20.
Ma il valore del riso italiano è indiscutibile: per biodiversità, per la qualità delle acque, per una storia antichissima, per la continua ricerca che si è fatta sulle piante che hanno portato ad avere risi di qualità assoluta: i migliori del mondo visto che l’Italia è il primo produttore in Europa. Eppure oggi il riso è in crisi. Patrizio ne parla con il presidente dell’Ente Risi, che commenta anche il recente provvedimento del Mipaaf che ha chiesto d’imporre l’etichettatura d’origine “riso italiano” in tutta Europa, proprio per fare chiarezza sulle importazioni selvagge di riso che viene dall’estremo oriente sul quale non ci sono garanzie sanitarie.
Appuntamento dunque da non perdere con la bella Daniela Ferolla e Patrizio Roversi al timone della nuova puntata di LINEA Verde su Rai1 alle 12.20 oggi 14 maggio Festa della mamma.