Home Lifestyle Tv Capraia, l’ultimo paradiso del Tirreno

Capraia, l’ultimo paradiso del Tirreno

Capraia, con i suoi paesaggi a tratti montani e i suoi profumi tipicamente mediterranei, è la protagonista di “Lungo il fiume e sull’acqua – Isole” in onda su Rai5

540
CONDIVIDI
Isola di Capraia

Tra Italia e Corsica, Capraia è l’isola più selvaggia del nostro paese. Dominata dall’antico castello costruito dal banco di San Giorgio, l’isola di Capraia, di natura vulcanica, appartiene all’arcipelago toscano e costituisce il comune insulare più a nord del Tirreno. Un solo piccolo centro abitato sulla costa nord orientale, e poi 8 km di sentieri che si inoltrano nell’erica e nel lentischio.
Capraia, con i suoi paesaggi a tratti montani e i suoi profumi tipicamente mediterranei, è la protagonista del nuovo episodio della serie “Lungo il fiume e sull’acqua – Isole”, in onda questa sera alle 22.10 su Rai5.
Aspra e dolce, brulla e verdissima, severa e solare. Abitata fin da tempi antichissimi, Capraia fu preda delle scorribande del feroce pirata Dragut. Oggi è un’isola rimasta come sospesa nel tempo: la vecchia colonia penale, i cui resti costellano il territorio, ne ha preservata intatta la natura, facendone l’ultimo paradiso del tirreno.
Come si legge dal sito del Comune di Capraia: “l’isola di Capraia offre al turista numerosi siti di interesse storico (Ex Colonia Penale, Torre del Porto, Chiesa di Santo Stefano, Chiesa dell’Assunta, Chiesa di San Nicola, Chiesa e convento di San Antonio, Edificio della Salata, Forte San Giorgio, Palazzone) che si concentrano nell’entroterra, in particolare nella zona del centro originario della Piana e nell’area della ex Colonia Penale, e sono raggiungibili grazie a sentieri e mulattiere più o meno impegnative. La frazione costiera del centro abitato dell’isola, semplice quanto graziosa, è sede di una piccola marina, alcune abitazioni e diverse attività commerciali che la rendono il cuore della vita cittadina e turistica. Attraverso la vecchia mulattiera, con una breve passeggiata, si sale fino alle tipiche case-fortezza che formano il paese. 
Queste abitazioni sono caratterizzate da mura molto spesse, pensate per mantenere freschi gli ambienti durante le calde giornate estive, ed erano abitate un tempo solo ai piani superiori per difesa dagli attacchi dei nemici.”
“L’isola di Capraia fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, un’area protetta istituita nel 1996 e comprendente anche le isola di Gorgona, Elba, Pianosa, Giglio, Giannutri e Montecristo. È il più grande parco marino d’Europa il cui compito è quello di preservare il patrimonio dell’Arcipelago Toscano”.

CONDIVIDI