Home Lifestyle Tv Matera, Capitale europea della Cultura 2019, stasera in tv su Rai5

Matera, Capitale europea della Cultura 2019, stasera in tv su Rai5

Matera e i suoi sassi, Patrimonio dell'Umanità dal 1993, stasera sono i protagonisti del nuovo episodio di Under Italy

524
CONDIVIDI
Matera

Matera e i suoi sassi, riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1993, stasera sono i protagonisti del nuovo episodio di “Under Italy” alle 20.20 su Rai5.
I ‘Sassi’ di Matera costituiscono uno dei nuclei abitativi più antichi e rari al mondo e le sono valsi il nome di “città dei sassi” e la  designazione a Capitale europea della Cultura 2019.
Come nasce tanta attenzione per questa città, per le sue abitazioni e per la sua storia? Le sue origini sono antichissime: le grotte – da cui sorsero, poi, i nuclei abitativi veri e propri che ancora oggi conosciamo come i Sassi – erano abitate già dall’età paleolitica e sono un esempio di sotterraneo totalmente sui generis. Scavati e costruiti a ridosso della Gravina di Matera – una profonda gola che divide il territorio materano in due – i Sassi si raggruppano in rioni e costituiscono la parte antica della città.

L’archeologo Darius Arya visita la città alla scoperta della sua cultura antichissima: dai Sassi adibiti a nuovo uso a quelli abitativi rivalorizzati in base alle moderne esigenze, dal bellissimo Palombaro Lungo riscoperto solo negli anni ’90 alla rarità del Mercato Medievale sotterraneo, dai sotterranei un po’ macabri di San Pietro Barisano alle cappelle e chiesette ipogee della Murgia fino al “miracolo” di Casa Cava: la vecchia cava e i sassi attorno, vergogna d’Italia negli anni ’50 e orgoglio nazionale oggi.

“Nelle grotte dei Sassi si cela la capitale dei contadini, il cuore nascosto della loro antica civiltà. Chiunque veda Matera non può non restarne colpito tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza” così descriveva Matera Carlo Levi… oppure Giovanni Pascoli scriveva “Delle città in cui sono stato, Matera è quella che mi sorride di più, quella che vedo meglio ancora, attraverso un velo di poesia e malinconia”.