Home Lifestyle Cinema Johnny Depp, gangster gentiluomo

Johnny Depp, gangster gentiluomo

487
CONDIVIDI

Il fascino degli eroi negativi, belli e maledettamente corrotti, lo conosciamo bene. Che si tratti del Padrino o di Scarface, di Jacques Mesrine o perfino del cartone Arsenio Lupin, l’altra faccia – la più positiva – del male ci interroga sul desiderio che tutti noi nutriamo nella rivalsa personale da una vita dove a vincere sono sempre i più potenti.
Così Michael Mann ed il suo Nemico Pubblico indagano il volto “umano” del gangster anni ’30, quando la Grande Depressione metteva in ginocchio Chicago ed il crimine era una forza dilagante.

Dopo le rocambolesche avventure del bandito Mesrine, interpretato da Vincent Cassel in “Nemico pubblico. L’istinto di morte” e “Nemico pubblico. L’ora della fuga”, il public enemy di Mann è John Dillinger ed ha il volto furbo e carismatico di Johnny Depp, una sorta di Robin Hood amato dal popolo e dalle donne.
Durante le sue “incursioni” nelle banche della città rassicurava la gente dicendo “Non vogliamo i vostri soldi ma quelli della banca”, prendeva in ostaggio donne che pare trattasse come principesse – durante una fuga, il cappotto che offrì ad una cassiera infreddolita fu la prima traccia da cui partirono le indagini della polizia. Un gangster di classe, amante della bella vita, del cinema – che gli sarà fatale – e di una donna su tutte, Billie Frechette (Marion Cotillard).
Alle calcagna del ladro gentiluomo l’agente Melvin Purvis, interpretato da Christian Bale, che passa da Batman ricercato a piedipiatti del Bureau of Investigation di Chicago.

Un action-movie classico dove si respira il clima di quegli anni “criminali”. I tempi del film sono forse troppo dilatati ma l’interpretazione di Depp accompagnata dalla sue performance truffaldine – dalle rapine all’evasione, dalla passione amorosa alla lealtà verso i compagni di banda – colmano i gap strutturali. “Nemico Pubblico” ha un valore che gli attuali hard times naturalmente gli attribuiscono: negli anni ’30 Dillinger si muoveva negli strascichi della Grande Depressione; oggi Dillinger rivive sugli schermi di un paese che cerca d’affrontare e di riscattarsi dalla Grande Crisi.