Home Arte Il ceramista Liguori espone a Napoli

Il ceramista Liguori espone a Napoli

“Il percorso di Bacco” è il titolo della mostra del ceramista aversano Angelo Liguori

536
CONDIVIDI

Lavorare la ceramica è qualcosa di veramente non semplice. E’ una forma d’arte decisamente più complicata e elaborata delle altre.
Plasmare a mani nude questo pezzo di terra molle, lavorarlo con attenzione e maestria, cuocerlo, e poi dipingerlo stando attenti alle sfumature, ben sapendo che i colori, ripassati nel forno, assumono una tonalità o addirittura un colore diverso … No, quella della ceramica è un’arte difficilissima, dove solo chi è veramente bravo può ottenere dei risultati eccellenti.

E’ il caso di Angelo Liguori, aversano doc, figlio d’arte, che nel campo della ceramica ha conseguito risultati encomiabili che hanno arricchito il suo palmares. Tra i tanti riconoscimenti prestigiosi ci piace ricordare la vittoria al quinto concorso Bramarte di ceramica e la partecipazione alle finali di Milano al Salone Satellite per giovani designer.

Dalla sua bravura sono nate opere di elevato tenore artistico e di fronte alle quali non si può non subire un contraccolpo emotivo. Basti pensare al suo Cristo Crocifisso che nella sua linea approssimativa conserva tutta la pienezza dell’annuncio cristiano di un abbraccio al mondo proiettato verso la resurrezione.

Questa sera Angelo Liguori esporrà a Napoli presso “La casa del Principe” la sua mostra dal titolo “Il percorso di Bacco”, impreziosita dalle sue nuove creazioni.
Il locale, che si trova in piazzetta Carolina, situata tra via Chiaia e Piazza Plebiscito, non poteva che rappresentare la migliore cornice per la mostra di quest’artista, figlio d’arte, che ad Aversa, sua città natale, è il più attivo nella divulgazione e nell’insegnamento del lavoro di ceramista.

Angelo Liguori, infatti, è presidente dell’associazione aversana Ceramic Club, presso la quale impartisce lezioni di ceramica ad adulti e a bambini.
Inoltre va riconosciuto a quest’artista il merito di aver portato l’arte della ceramica in aree di sofferenza quali l’Ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa.