Home Lifestyle Cinema Alice in Wonderland

Alice in Wonderland

189
CONDIVIDI

Un’Alice così non si era mai vista. Trasformato dal genio visionario di Tim Burton, il capolavoro classico di Lewis Carroll oltrepassa i confini della narrativa per bambini e punta al vasto pubblico (forse una scelta dettata anche dalle logiche della platea cinematografica).

Fatto sta che Alice in Wonderland ci presenta una ragazzina che in realtà è quasi una donna (interpretata dalla 19enne Mia Swasikowska) ed un mondo che è sì fantastico ma alla maniera di Tim Burton, il quale non riesce a sbarazzarsi dai paesaggi malinconici, gotici e aggrovigliati dei suoi lavori più poetici (“Nightmare Before Christmas” su tutti).
Il che, comunque, non dispiace, anzi: lo stile (un po’ cupo) del film – che poi è la “cifra” del cinema targato Burton – è pura bellezza, perfezione, piacere dei sensi, valorizzato (ma non tutti concordano) dalle potenzialità del 3D.
In questa nuova versione la dolce Alice è tormentata fin da bambina da strani incubi, sogni che diventano realtà quando si ritrova ad inseguire un bianconiglio giù per un buco. Il nuovo mondo cui accede è “un posto che non ha eguali sulla terra”,  popolato da creature bizzarre e fantastiche: animali parlanti, carte da gioco armate, ma soprattutto cappellai matti, regine cattive e viziate ed altre buone e candide come la neve.

Tra avventure incredibili e appassionanti battaglie, il film mantiene un buon ritmo sostenuto egregiamente dal talento di Helena Bonham Carter, nella parte della Regina Rossa (dalla testa di grandezza planetaria) e dal geniale Johnny Deep, un cappellaio davvero da legare. A combattere la cattivissima regina di cuori la sorella decisamente più buona, interpretata da Anne Hathaway (Regina Bianca di nome e di fatto).
Una favola che fa bene al cuore, raccontata da chi ha ancora molto da dire e da conquistare (Burton non delude mai). “Alice in Wonderland” cattura lo sguardo e ci ricorda che “l’impossibile è tale solo se pensiamo che lo sia”.