Home Università A Pavia parte la mostra interattiva “Laserfest”

A Pavia parte la mostra interattiva “Laserfest”

435
CONDIVIDI

Cinquant’anni  anni fa veniva inventato il laser, uno strumento straordinario impiegato, oggi, non solo nell’industria meccanica e chimica, nella sensoristica, nella ricerca biologica, nell’oftalmologia ed in altre applicazioni mediche, ma che utilizziamo comunemente in diverse azioni della vita quotidiana. Un esempio: si basano sulla luce laser i lettori di CD e DVD, i lettori di codici a barre dei supermercati, ma anche i sistemi di comunicazione in fibra ottica a distanza che magari utilizziamo quando effettuiamo una telefonata o ci colleghiamo alla rete Internet.

Per celebrare degnamente l’anniversario dell’invenzione del Laser, si è costituito, a livello mondiale, il LASERFEST Committee che ha lo scopo di finanziare iniziative per diffondere la conoscenza sui principi di funzionamento dei laser e sulle sue applicazioni.Presso il Dipartimento di Elettronica della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia è costituito il Comitato LASERFEST-PV, dove da più di 20 anni opera il Gruppo Fotonica che si occupa di ricerca avanzata nel campo dei laser e delle sue molteplici applicazioni.

Per festeggiare i 50 anni del laser, il Comitato LASERFEST-PV organizza a Pavia, dall’11 al 25 aprile, la mostra interattiva “Laserfest, un’idea brillante”. L’evento, patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Pavia, con il supporto della Fondazione Banca del Monte di Lombardia, principale sponsor dell’evento, e di alcune aziende italiane ed internazionali del settore, si rivolge soprattutto alle persone non del settore, in particolare studenti delle scuole medie e superiori, e vuole diffondere la conoscenza sui principi di funzionamento dei laser e sulle sue applicazioni.

Durante la mostra i visitatori impareranno la differenze tra luce convenzionale e luce laser; potranno vedere il funzionamento di una sorgente laser (verificando i componenti utilizzati e l’importanza di vari parametri, quali l’allineamento dei vari elementi) o di un lettore di codici a barre (sia a velocità normale che a “bassa velocità”); vedranno come sono realizzati i sistemi di comunicazione ottica (internet, e telefono) ma anche l’utilizzo della radiazione laser in ambito industriale (per taglio, saldatura o marcatura), per la sensoristica (ad esempio per la misurazione di distanze o di vibrazioni anche impercettibili) e in ambito biomedico (intrappolamento e manipolazione di singole cellule, terapie basate sull’uso di luce laser, ecc…).

Tra gli eventi correlati alla mostra, il 13 e il 14 Aprile, presso l’Aula Foscolo del Palazzo Centrale dell’Università, si terrà il convegno “LE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: SICUREZZA TRA RICERCA E APPLICAZIONE”, organizzato dall’Università degli Studi di Pavia con il patrocinio (anche) del progetto LASERFEST e con la collaborazione dell’Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro e del Coordinamento Nazionale Servizi di Prevenzione e Protezione Università e Ricerca.

CONDIVIDI