Home Arte La finta prospettiva del giardino segreto

La finta prospettiva del giardino segreto

356
CONDIVIDI

Proseguono le visite con apertura straordinaria delle sale di Palazzo Spada, oggi sede del Consiglio di Stato, promosse dalla Soprintendenza per il Polo Museale Romano, in collaborazione con la Gebart SpA. Domenica 4 luglio e domenica 1 agosto gli Storici dell’Arte condurranno i visitatori alla scoperta delle bellezze preservate all’interno del cinquecentesco palazzo: la galleria prospettica del Borromini, la quadreria del cardinale Spada con opere di Guercino, Reni, Tintoretto, Gentileschi. Inoltre sarà possibile ammirare le stanze del Piano Nobile, che ancora oggi si possono apprezzare apparentemente inalterate, con la Galleria degli Stucchi, gioiello decorativo ispirato alla Galleria di Francesco I di Fointanbleau, la meridiana catottrica opera del pittore Giovanni Battista Magni. La visita prevede inoltre l’analisi di una serie di otto nicchie con statue di uomini illustri della storia di Roma. Nel cortile interno, al di sopra delle arcate, altre dodici nicchie racchiudono statue di divinità pagane. Il vero gioiello di Palazzo Spada è il giardino segreto con la Galleria Prospettica che suggerisce una profondità illusoria di oltre trenta metri, ben diversa da quella reale che di soli circa nove metri. È possibile visitare il Palazzo solo previa prenotazione. Il costo del biglietto è di 6 euro.

CONDIVIDI