Home News Cronaca Sul Delta del Po alleanza per salvare i fraticelli

Sul Delta del Po alleanza per salvare i fraticelli

415
CONDIVIDI

Scoperta su un nuovo isolotto di sabbia formatosi nel Delta del Po la più grande colonia di fraticelli d’Italia che solo il divieto temporaneo di balneazione può tutelare. Questo piccolo uccello è infatti minacciato di estinzione e vive solo sulle coste sabbiose.

“Una ottima notizia arriva dal delta del Po proprio negli stessi giorni del grave disastro che sta interessando il Golfo del Messico dove moltissimi animali stanno morendo a causa del petrolio. Qui invece piccole e temporanee cautele come il divieto di sosta e di balneazione possono salvare questa enorme colonia di uccelli di una specie minacciata dall’estinzione

Grazie alla collaborazione del Parco Delta del Po Veneto, dei pescatori e speriamo dei turisti e dei bagnanti vogliamo fare di tutto per tutelare questo tassello di biodiversità che ha scelto la più importante zona umida italiana per la riproduzione” ha detto Fulco Pratesi Presidente onorario WWF Italia. L’Isolotto formatosi nel Delta del Po veneto è infatti un sito ideale per sperimentare una strategia di tutela e valorizzazione della fauna pienamente compatibile con tutte le attività umane tradizionalmente presenti in loco come la molluschicoltura, la pesca, il turismo balneare, i lavori di manutenzione idraulica. La colonia si è insediata da una decina di giorni, ospita un centinaio di coppie e sta crescendo di giorno in giorno. Si prevede che la crescita proseguirà fino alla metà di giugno raggiungendo parecchie centinaia di coppie facendone quindi la colonia più grossa in tutta Italia. Nel territorio, tutelato dal parco, ospita, tra nidificanti, svernanti e di passaggio, oltre 350 specie diverse di uccelli. Il Comune di Porto Tolle a seguito di una segnalazione da parte del WWF ha predisposto l’ordinanza  di divieto di balneazione, a partire da sabato 29 maggio,  nelle zone e nel periodo di nidificazione.

Il progetto di conservazione messo in piedi dal WWF prevede di coinvolgere i turisti, entro due settimane verrà distribuito materiale informativo per illustrare l’importanza di questa colonia. Ufficio stampa WWF Italia

CONDIVIDI