Home Arte Video Review (73:34 min)

Video Review (73:34 min)

514
CONDIVIDI

La Jerome Zodo Contemporary di Milano dal 24 giugno all’11 settembre ospiterà le opere di tre giovani artisti internazionali Terry Chatkupt, Tigran Kachatryan e Simon Senn, presentati in una rassegna videografica dal titolo Video Review (73:34 min).
Prendendo spunto dalla disposizione a circuito continuativo delle rassegne cinematografiche, la mostra propone in serie le ultime opere video realizzate dai tre giovani artisti. Tre artisti per tre differenti ambienti espositivi studiati per ospitare la rassegna e accolti tutti nel solo spazio della galleria.
La loro disposizione suggerisce l’idea e l’assetto del “Cinema Invisibile” progettato da Peter Kubelka per l’Anthology Film Archive di New York sulla fine degli anni Sessanta: spazi piccoli e ideali, chiusi e isolati dagli input esterni, scatole nere oggi ben riconosciute con l’appellativo anglosassone di black-box, in cui la fruizione del materiale audiovisivo diviene esperienza stimolante e riflessiva, un’area di ricezione perfetta del vivere cinematico.
La Video Review (73:34 min) sperimenta le pratiche del piccolo screening multisala, interrogandosi sul duplice gioco che detiene l’essenza del video oggetto artistico, la sua fruizione e la relativa consapevolezza del flusso filmico. La programmazione cronica della mostra invita a considerare il video tessuto secondo una peculiare angolazione fisica: il tempo.
Ogni opera è continuamente ripetuta, messa in loop, questa riproducibilità pone il discorso visivo e l’effetto che esercita in chi l’osserva in un mutamento costante. Lo spettatore osserva, partecipa, attende, si siede o sfugge; ogni volta l’esperienza se ripetuta sarà differente. Il registro temporale diviene strumento d’indagine sia per la lettura dell’assetto contemporaneo quanto per la comprensione dei prodotti che esso scaturisce.
Il tempo catturato e trascritto nella partitura del linguaggio video acquisisce una fortissima componente rivelatrice dell’identità odierna. Il “momento del cubismo” sfondò il senso del tempo introducendo la durata e la frammentazione, la celluloide lo intagliò in una sequenza di unità regolari. La dimensione temporale è stata spunto d’indagine per diversi autori quali Henri Bergson, Walter Benjamin, Gilles Deleuze fino ai più recenti Peter Greenaway e Daniel Birnbaum.
Terry Chatkupt, Tigran Kachatryan e Simon Senn sperimentano differenti modalità di interpretazione del senso temporale espresso dal mezzo audiovisivo. La sotto-indicazione (73:34 min) al titolo Video Review corrisponde alla somma totale della durata di tutte le opere video presenti in mostra, tre per ciascun artista.

La mostra, inaugurata giovedì 24 giungo 2010 alle ore 18.00 nella sede milanese di via Lambro 7, proseguirà fino a sabato 11 settembre 2010, poco dopo la chiusura estiva prevista nel mese di agosto.
Per tutta la durata della mostra Video Review (73:34 min), la galleria rimarrà aperta al pubblico dal martedì al venerdì, dalle ore 14.00 fino alle ore 22.00.