Home Arte L’impegno della pittura nelle tele di Sofìa Gandariasc

L’impegno della pittura nelle tele di Sofìa Gandariasc

254
CONDIVIDI

“Kafka, il visionario” è il titolo della mostra che Sofía Gandariasc dedica, a Praga, allo scrittore ceco autore della Metamorfosi. La rassegna dei dipinti è distribuita in due sedi. Accompagna lo spettatore un sottofondo di musiche di Antonin Dvorák e di Gustav Mahler. 
Sofia Gandarias
è una pittrice molto apprezzata a livello internazionale, non solo per il suo valore artistico e per la sua qualità tecnica ma, anche per il suo impegno sociale. L’artista mette il suo talento a servizio dell’umanità e riflette sugli orrori del presente. I suoi quadri interpretano l’odio contemporaneo. Nel 2007 aveva inaugurato una rassegna composta da tredici opere di grandi dimensioni che riproponevano tutta la drammaticità dell’attacco alle Torri Gemelle e in particolare rappresentavano l’omaggio che l’artista spagnola aveva voluto rendere alle vittime dell’attentato. Le tredici opere su tela creano un racconto visivo che fa tuffare lo spettatore nella sofferenza del mondo. Numerosi occhi si rivolgono allo spettatore, mani bianche, nere e rosse sospese sulla tela ed orologi, alcuni dei quali deformabili come quelli di Salvator Dalì: simboli che la pittrice utilizza in modo ossessivo insieme alle immagini di morte, sangue e distruzione.

CONDIVIDI