Home Auto Un’estate a metano. Economica?

Un’estate a metano. Economica?

306
CONDIVIDI

Il metano, carburante low cost per eccellenza, è perfetto per chi sceglie l’auto durante i suoi viaggi estivi e punta dunque al risparmio.
Un’auto alimentata a metano conviene rispetto ad una che utilizza la sola benzina. A dirlo è l’Osservatorio Metanauto che ha condotto una ricerca effettuata sugli italiani che per le vacanze hanno scelto l’auto per raggiungere le loro mete di villeggiatura.
Nello specifico il popolo dell’esodo preferisce le regioni di Emilia Romagna, Puglia, Sicilia e Toscana e così l’Osservatorio ha voluto fare un pronostico su quella che sarebbe il risparmio scegliendo una macchina a metano anzichè una a benzina per raggiungere tali mete.
Passiamo alle cifre: muovendosi da Verona per andare a Gallipoli, si risparmierebbero ben 167 euro per percorrere 2.100 chilometri (andata più ritorno): si spenderebbero 126 euro di metano contro i 293 euro di benzina.
Coloro che sceglierebbero la Toscana come paradiso estivo, partendo da Torino per giungere, magari, a Castiglione della Pescaia, spenderebbero ben 154 euro di benzina contro i 66 del metano: il tragitto percorso sarebbe pari a 1.100 chilometri, andata e ritorno, mentre il risparmio equivarrebbe a 88 euro. Passando ai successivi dati presentati da Metanauto, troviamo quelli riguardanti coloro che da Milano andranno a Rimini per trascorrre le proprie vacanze.
Queste persone viaggeranno per 750 chilometri (andata più ritorno) per un totale di 105 euro di benzina contro i 45 di metano: il risparmio ottenibile ammonterebbe a 60 euro.
Scendendo verso il centro Italia osserviamo che i romani che si recheranno a Taormina, usando un’auto a benzina spenderanno mediamente 223 euro contro i 96 euro di una alimentata a metano, con un risparmio possibile di 127 euro.
C’è da dire che quanto viene speso durante un viaggio in macchina dipende molto dallo stile di guida nonché dalla cilindrata della macchina in questione: di sicuro una Smart consumerà meno di una Mercedes quindi le cifre sono indicative e forniscono una visione generale circa le spese e i risparmi possibili.