Home Arte ‘Angeli. Volti dell’invisibile’

‘Angeli. Volti dell’invisibile’

573
CONDIVIDI

Presso la casa delle Esposizioni di Illegio, in Carnia (Friuli Venezia Giulia), fino al 3 ottobre 2010, sarà possibile incontrare gli angeli, così come  sono stati raffigurati nelle più diverse forme d’arte a partire dal Medioevo: pitture su tavola lignea, dipinti su tela, sculture, altari ed oreficeria.

Da ‘L’Annunciazione’ di Filippo Lippi a ‘Il Sacrificio di Isacco’ di Orazio Gentileschi, da ‘La Madonna col bambino e sei angeli’ di Sandro Botticelli a ‘Il Cristo morto sorretto da angeli’ del Veronese, 70 sono le opere esposte in occasione della mostra ‘Angeli. Volti dell’invisibile’.

Dal Medioevo al Settecento i capolavori esposti sono stati selezionati dalle sedi museali più prestigiose d’Europa, come i Musei Vaticani, gli Uffizi di Firenze, la Galleria Borghese e la Galleria Doria Pamphilj di Roma. E ancora, le Gallerie dell’Accademia di Venezia, la Gemaldegalerie di Berlino ed il Museo Thyssen Bornemisza di Madrid.
Oltre a Botticelli, Gentileschi, in esposizione anche le opere di Ridolfo Ghirlandaio, Giambattista Tiepolo, Gian Lorenzo Bernini e Girolamo Savoldo.

L’esposizione nasce da un’idea del Comitato di San Floriano, un paese di 360 abitanti, ed è espressione dell’impegno dell’Arcidiocesi di Udine che, coinvolgendo un centinaio di studiosi nazionali ed europei, ha collaborato per l’occasione con diverse istituzioni civili ed ecclesiastiche.

Ogni anno a Illegio il Comitato di San Floriano propone una serie di appuntamenti culturali e spirituali. Per il 2009 basti ricordare la mostra ‘Apocrifi. Memorie e leggende oltre i Vangeli’, che ha vantato la presenza di opere, tra le altre, di Caravaggio, Bernini, Andrea Del Sarto e Guercino.

Anche il progetto dell’esposizione ‘Il Potere e la Grazia. I Santi Patroni d’europa’, a Palazzo Venezia di Roma, dal 7 ottobre al 31 gennaio 2010, nacque da un’idea del Comitato, voluta dal Governo italiano per iniziativa dell’ambasciata d’Italia presso la Santa Sede e condivisa con il polo Museale Romano e il Pontificio Consiglio per la Cultura, una mostra ammirata da oltre 105mila visitatori, tra cui Papa Benedetto XVI ed il presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.