Home Arte Dare Arte al Luogo & Dare Arte alla Città

Dare Arte al Luogo & Dare Arte alla Città

334
CONDIVIDI

Nell’ambito di Eventi Paralleli, iniziativa realizzata in occasione della XIV edizione della Biennale Internazionale di Scultura di Carrara per mettere in luce la vitalità delle realtà esistenti sul territorio, La Marrana arteambientale di Montemarcello (SP) ed il Castello Malaspina di Fosdinovo (MS) propongono rispettivamente Dare Arte al Luogo e Dare Arte alla Città. Si tratta di due progetti incentrati sull’ampio spettro dei linguaggi dell’arte contemporanea. Per entrambi spunto di riflessione sono le relazioni tra tempo, spazio e luogo. DARE ARTE AL LUOGO Tre video saranno proiettati presso il prezioso Battistero del Duomo a Carrara. La Marrana Arteambientale presenta: 1) “Introduction to a Distant World” (1985) un video della durata di 9 minuti, opera del grande artista cileno impegnato nel sociale Alfredo Jaar. Girato nelle miniere d’oro dell’Amazzonia in Brasile, il video contrappone il valore dell’azione quotidiana di chi lavora -gli uomini che faticano nel portare alla superficie le rocce aurifere- alle quotazioni dell’oro nelle principali Borse del mondo. Il Castello Malaspina presenta: 2) “Nashi” di Flavio Favelli e Gianluca Mattei (2007). Un uomo che cammina con una sedia pieghevole, sulla montagna bianca. Pensa alle sue cose, fra i sentieri di pietraie e le ruspe. L’unico ristoro in una giornata tersa e polverosa è una pera nashi, succosa e dissetante. 3) “Temporale” di Emanuele Becheri (2009). Il video, della durata di 15 minuti, è stato girato in un’anonima periferia italiana, e rappresenta nient’altro che l’inquadratura della “durata” temporale di un esterno notte dove inizialmente non sembra accadere niente fino al momento in cui si scatena un temporale e tale avvento cambia radicalmente il panorama dello spazio fisso inquadrato. DARE ARTE ALLA CITTÀ Sempre più diffusamente viene chiesto agli artisti di confrontarsi con le realtà per il recupero di zone degradate, per la riqualificazione dei quartieri periferici, con i Centri di assistenza etc. A tal proposito La Marrana arte ambientale ha ideato il Premio P.A.A.L.M.A., vale a dire “Premio Artista + Architetto La Marrana Arteambientale”. Per l’occasione vengono presentate immagini di due esempi di questa forma di integrazione progettuale: 1) Deep Fountain Fontana-scultura realizzata dall’artista spagnola Cristina Iglesias, in collaborazione con lo studio di architettura Robbrecht and Daem nell’ambito del progetto di riqualificazione della piazza di fronte al Royal Museum of Fine Arts di Anversa. 2) Il progetto di Idetoshi Nagasawa e Maurizio De Vita Un’idea che sviluppa il tema del giardino e dell’acqua utilizzando i marmi, ricostruisce il collegamento con il mare e la terra e segna il nuovo concetto della piazza. Progetto presentato al Concorso di idee per la riqualificazione architettonica e artistica di Piazza Verdi a La Spezia, bandito nel 2009 dall’Amministrazione comunale con la collaborazione del Premio P.A.A.L.M.A. Premio Artista + Architetto La Marrana Arteambientale. LA MARRANA ARTEAMBIENTALE La Marrana arteambientale non è una galleria d’arte nell’accezione tradizionale del termine, ma la casa di Montemarcello di Gianni e Grazia Bolongaro, appassionati collezionisti di arte contemporanea che dal 1997 ospita l’arte in forme sempre più nuove. Un punto di ritrovo per artisti e appassionati d’arte contemporanea. Il Parco di Arte Ambientale si caratterizza per la creazione di opere appositamente studiate dagli artisti per le loro specifiche collocazioni, a ribadire l’influenza che l’arte ha su un ambiente, un impatto che può essere reso armonico creando nuovi stimoli per l’utilizzo di quell’ambiente. Un museo a cielo aperto in cui i visitatori possono ammirare opere di Hossein Golba, Kengiro Azuma, Luigi Mainolfi, Philip Rantzer, Mario Airò, vedovamazzei, Magdalena Campos-Pons, Joseph Kosuth, Jannis Kounellis, Lorenzo Mangili, Lucia Pescador, Cecilia Guastaroba, Quinto Ghermandi, Jan Fabre, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Ettore Spalletti,Gabriella Benedini, Hamish Fulton, Claudia Losi. Accanto a maestri dalla lunga attività e consuetudine espositiva, compaiono anche artisti giovani e meno noti che frequentano l’arte ambientale con grande esuberanza e qualità. In definitiva, chi è alla ricerca di luoghi suggestivi in sé, ma anche connotati da presenze significative d’arte contemporanea non può perdere l’occasione di visitare il Parco di Arte Ambientale di Grazia e Gianni Bolongaro in località La Marrana di Montemarcello, Ameglia (SP).   Associazione Culturale La Marrana Segreteria: Via Luigi Illica, 5 – 20121 Milano – Italia Tel.0039 (02) 86463673 – 335 6328606 Fax 0039 (02) 86464809 E-Mail: info@lamarrana.it www.lamarrana.it     CASTELLO MALASPINA DI FOSDINOVO Il Castello Malaspina di Fosdinovo , a pianta quadrangolare con 4 torri rotonde orientate, ha un bastione semicircolare, due cortili interni, camminamenti di ronda sopra i tetti, giardini pensili, loggiati ed un avamposto verso il Paese. Le sue origini medievali lo datano XII secolo, ma la struttura per come appare oggi risulta una particolarissima combinazione di gusti e di architetture medievali, rinascimentali, neogotiche e romantiche. Acquistato nel 1340 da Spinetta Malaspina, oggi appartiene alla famiglia Torrigiani Malaspina. Dopo i lunghi restauri degli anni 60 a seguito dei terribili bombardamenti della II guerra mondiale, i proprietari lo hanno aperto al pubblico che lo può visitare durante tutto l’anno. Dagli anni 80 il castello si è prestato come sede per ospitare concerti, spettacoli teatrali, mostre collettive, letture e conferenze. Un’ala del castello è tenuta come residenza privata per il periodo estivo. Dal 2007 è stata costituita l’Associazione culturale Lo Spino Bianco che si occupa di gestire il percorso museale del castello, le visite ed i laboratori delle scuole oltre a tutti gli eventi che in esso hanno sede. Con il 2009 nasce Castello in movimento, una manifestazione che ha come obiettivo quello di creare incontri tra idee e linguaggi differenti, ospitando premi letterari, spettacoli teatrali, rassegne cinematografiche e concerti jazz. Su questa linea anche il programma di residenze per artisti visivi curato da Alberto Salvadori che porterà al Castello Malaspina anche a gruppi di teatro sperimentale (in collaborazione con Lunatica Festival) e giovani scrittori. Castello Malaspina – 54035 Fosdinovo – Massa Carrara telefono +39 0187 680013 – 0187 68891 Associazione Lo Spino Bianco – 50123 Via dei Fossi, 3 – Firenze telefono e fax +39 055 264288 associazione@castellodifosdinovo.it www.castellodifosdinovo.it  ARTISTI E ARCHITETTI Alfredo Jaar, Flavio Favelli, Emanuele Becheri, Cristina Iglesias,  Robbrecht en Daem Architecten, Hidetoshi Nagasawa, Maurizio De Vita.