Home Università Ricerca Università di Macerata: riconoscimento per Benedetta Giovanola

Università di Macerata: riconoscimento per Benedetta Giovanola

409
CONDIVIDI
Benedetta Giovanola - Università di Macerata

Giovane ricercatrice nel settore dell’etica applicata, per le sue competenze scientifiche Benedetta Giovanola è stata chiamata, unica in Italia, a far parte del comitato organizzatore di un convegno internazionale Atene-Pechino che riunisce studiosi di America, Nuova Zelanda, Singapore, Canada, Cina e altri Paesi europei.
“Sono molto contenta – commenta Giovanola – in primo luogo per l’Università in cui mi sono formata. Tutti i rapporti che vengono stretti a livello individuale, permettono di inserire poi l’intero Ateneo in circuiti internazionali per sviluppare progetti di ricerca congiunti. Quando ci si interroga sui nuovi modi di sviluppo, è molto importante avere un interlocutore come la Cina, perché consente un’apertura alle politiche economiche e alle filosofie orientali. Inoltre, questa convocazione costituisce un riconoscimento del lavoro che ho svolto in modo serio, rigoroso, ma anche con molta passione. E’ molto gratificante riuscire a raggiungere un pubblico che arriva fino alla Cina”.

Benedetta Giovanola si occupa dei rapporti tra etica ed economia, relativamente sia alla dimensione aziendale (business ethics) sia ai concetti base dell’etica sociale ed economica, con attenzione al tema della disuguaglianza e alle implicazioni connesse allo sviluppo e alla globalizzazione.
Gli organizzatori del convegno, che si svolgerà il prossimo giugno ad Atene sotto l’egida dell’Università di Economia e commercio greca e l’Università di commercio internazionale e di economia della Cina, hanno conosciuto i lavori della Giovanola, perché sono stati pubblicati sulle maggiori riviste internazionali del settore con sistema di referaggio anonimo come la Review of social economy e il Journal of business ethics. È l’unica italiana vincitrice dell’Helen Potter Award 2005, conferito dall’Association for Social Economics all’autore del miglior articolo pubblicato nella “Review of Social Economy” ed è tra i collaboratori del Nietzsche-Wörterbuch edito dalla casa editrice de Gruyter.