Home Sport Basket Basket: la ND Pozzuoli torna al successo

Basket: la ND Pozzuoli torna al successo

474
CONDIVIDI

La Nuova Dicearchia Pozzuoli cala il tris. Al PalaErrico cade la Russo Cagliari che nulla può contro la voglia, la determinazione, il cuore dei flegrei che fanno (+20 al 18°), disfano (+2 al 27°), ma poi ricostruiscono (13–5 nel supplementare).

Buon impatto difensivo delle due squadre (4 rimbalzi difensivi catturati dai gialloblù, 6 palle recuperate): segnare è molto complicato. Poi Conte, Fiore, Errico e Loncarevic trovano i varchi per volare sul +7 al 6° (9–2). Un paio di spazi sfruttati dagli isolani con Trevisan e Pedrazzini (9–7), ma i campani replicano prontamente con Fiore e Conte (14–7 all’8°) costringendo al primo time out del match coach Sassaro. Con un gioco da 3 Pintor accorcia le distanze al 10° (14–10).

In avvio di secondo periodo entrambe le difese provano ad essere attente ed aggressive. Ben presto ci si rende conto che quella di casa è molto più efficace (ospiti a secco in ben 14 possessi con il tecnico che opera 4 sostituzioni). In attacco la palla s’insacca che un piacere ed il margine cresce progressivamente sino al +20 del 18° (32–12 con Errico 6, Innocente 7, Tardi 3, Conte 2). Pedrazzini (2/2 dalla lunetta), Trevisan (dal campo a 30” dalla fine) e Chessa (2) muovono lo score dei viaggianti limitando le perdite (34–18 al 20°).

Ottima l’uscita dagli spogliatoi dei biancoblù: determinati, aggressivi in difesa (ma fallosi: in bonus dopo 3’, con Bigio e Pintor già a 4 individuali). Pedrazzini, Lottatori e Trevisan danno un primo taglio al gap: 7–0 per il 34–25 del 22°. Immediata la sospensione voluta dall’allenatore partenopeo per richiamare all’ordine difensivo i suoi ragazzi che, al rientro in campo, danno qualche piccolo segnale, ma non è ancora sufficiente (36–31 al 25°). La voglia, l’agonismo non manca nei due quintetti, ma la precisione al tiro è principalmente cagliaritana (37–35 al 27°). Quando Innocente (3) decide d’assistere offensivamente Fiore (tutti suoi i primi 5 punti puteolani nel quarto) il divario s’amplia leggermente (42–39 al 30°).

Difese meglio degli attacchi (molto ragionati, 7 non produttivi) in avvio d’ultima frazione. I canestri di Pellegrino, Puggioni (gioco da 3) e Chessa determinano il pareggio a quota 44 al 33°. Sale in cattedra Errico (49–44), ma non basta. La Russo è vivissima ed opera il sorpasso al 36° con Puggioni. Immediato il minuto voluto da coach Posillipo. Sul 53–52 del 38° (Errico 2, Fiore 2, Pedrazzini 2) il collega sardo fa lo stesso per preparare il fondamentale finale di partita. Per tre possessi non si segna, poi ci pensa Biggio (53–54 al 39°). L’ultima azione d’attacco è per la Nuova Dicearchia che subisce 3 falli guadagnando i liberi (ad 1” dal termine). Li batte Fiore 1/2 (54–54). Si va all’over time in cui la tensione è palpabile. I flegrei lo iniziano galvanizzati: 3 recuperi, ma soprattutto il poker di Errico (2) e Loncarevic (2): 58–54 al 42°. Pintor e Puggioni provano a limare il distacco, ma Errico e Conte prontamente lo ristabiliscono (62–58 al 44°). Chessa fa 1/3 dalla linea della carità, Puggioni sbaglia da sotto. Ricorrono al fallo sistematico gli isolani, ma Conte è quasi implacabile (3/4) Errico (2/2): 67–59 al 40°.

Tabellini:
POZZUOLI – RUSSO CAGLIARI 67–59
NUOVA DICEARCHIA POZZUOLI. Conte 12, Innocente 10, Ancona ne, Pellegrino 4, Pietropaolo ne, Loncarevic 4, Tardi 3, Errico 21, Fiore 13, Di Lorenzo ne. Coach Posillipo
RUSSO CAGLIARI: Loddo ne, Ibba, Pedrazzini 15, Pintor 5, Solla 3, Puggioni 12, Chessa 5, Bigio 2, Trevisan 12, Lottatori 5, Trevisan . Coach Sassaro
ARBITRI: Guida di Trapani e Parisi di Enna.
PARZIALI: 14 – 10, 34 – 18, 42 – 39
USCITI PER FALLI: Bigio, Pintor, Trevisan (RC)

CONDIVIDI