Home Varie Satira Basta Bunga

Basta Bunga

349
CONDIVIDI

Silvio non è il politico peggiore che gli italiani abbiano liberamente eletto. Ora abbiamo scoperto che anche Fini imbroglia. La casetta a Montecarlo (quella con le finestrelle colorate), è di Tulliani. Lo ha detto Frattini. La sua parola vale più di quella di un tribunale.
Il processo è inutile e Fini deve lasciare la Camera. Ha tempo fino alle 12.
Ma basta coi processi mediatici. Anche Emilio Fede si è detto contro, proponendo di chiudere Facebook, perché diffonde notizie non vere. Per queste cose l’esclusiva ce l’ha il Tg4.
Ma, come dico sempre, la vita va avanti.
Si torna a parlare di Influenza A e gli italiani hanno paura. Ma fosse solo il virus influenzale… Negli USA una misteriosa infezione da fungo sta spaventando gli americani. A rischio migliaia di risotti.
Ma la nostra salute non è messa a rischio solo dai virus!
Continua, infatti, il dibattito sul nucleare. Il nostro Paese prima ci propina uno spot farsa, poi vara un accordo con la Russia per la realizzazione delle centrali. Ci si affida all’esperienza. C’è di che starne tranquilli.
Pare che la loro realizzazione comincerà nel 2013. Saranno pronte per capodanno.
Ringraziando il cielo, oltre ai grandi pericoli, nel nostro Paese non ci facciamo mancare neanche i disagi. Sull’A1 un camion ha perso tutto il suo carico d’olio. Chilometri di coda sull’Appennino causati da automobilisti fermi ad intingere il pane.
Altre notizie di cronaca arrivano dal lago di Como. Sono state rinvenute bombe nei pressi della villa di Clooney. Gli inquirenti hanno fatto brillare la Canalis.
La scienza corre e non s’arresta un’ora.
Pare confermato che Leonardo da Vinci abbia dipinto una donna nel cenacolo. Qualcuno avrà pur dovuto sparecchiare.
Sotto l’Antartide, invece, è stato scoperto un grande fiume ghiacciato. Ottimo per conservare freddo lo Champagne durante le scampagnate.
Bella la nuova foto del Sole scattata da un satellite della Nasa. Peccato solo che l’astro sia venuto con gli occhi chiusi.
Infine le altre minacce, quelle serie. Qualche mese fa fu pubblicato il primo video di Al Alakwi, considerato il nuovo Bin Laden. Ora gli USA stanno fingendo di cercare anche lui.