Home Casa Arredamento Luci

Luci

401
CONDIVIDI

luci d'ambienteLeggere, guardare la televisione, cucinare, fare le pulizie, rilassarsi nell’intimità… ogni attività richiede un’attenta scelta di luci.
Per comprendere l’uso della luce e per costruire validi schemi e impianti d’illuminazione, è importante sapere che esistono cinque tipi di illuminazione di base, ciascuno caratterizzato da un proprio ritmo e da un proprio valore pragmatico.

La luce d’ambiente, come suggerisce il nome, è la luce che ci circonda. Le luci schermate e radenti, ad esempio, sono buone fonti di luce d’ambiente: illuminando la parete, infatti, la trasformano in un grande riflettore. L’effetto è estremamente rilassante e neutro perché non vi è alcun riverbero. La luce d’ambiente, inoltre, offre uno sfondo ideale sul quale costruire il carattere di ogni locale con l’aiuto degli altri quattro tipi di luce.

La luce d’accento è considerata limitata ad una singola area e può assumere la forma di un faretto orientabile o di un lume da tavolo con un paralume opaco, o ancora di un tubo fluorescente installato, tipo un caminetto inutilizzato. Così se la luce d’ambiente ingentilisce un locale, la luce d’accento ne fa emergere il carattere e aggiunge interesse. Le stanze dove di solito è possibile sbizzarrirsi con le luci d’accento sono la sala da pranzo e il soggiorno, nelle quali sono maggiormente ammirati il valore decorativo dell’architettura, i colori e gli oggetti, ma se ogni ambiente della casa è dotato di forti e precise caratteristiche architettoniche, fosse anche il bagno, queste vanno evidenziate.

Altra importante tipologia di luce è la luce funzionale, che si rivela necessaria quasi in ogni parte della casa e dove ogni lampada, per definirsi tale, dovrebbe incorporare un riflettore o addirittura lenti che concentrino la luce in una zona ben precisa.

C’è poi la luce decorativa, che deve inserirsi in un insieme di altri tipi d’illuminazione, in particolare quella d’ambiente. A causa del suo ruolo secondario, la luce decorativa perde d’importanza se deve competere con troppe luci funzionali o d’accento, perciò dovrebbe basarsi su un equilibrio fra i vari elementi.

La luce cinetica, infine, è, come suggerisce il termine, luce in movimento, come appunto quella emanata dalle candele o da un focolare. Perciò è un piacevole complemento per ogni schema d’illuminazione.